Terremoto, Marini: “La sfida è ricostruzione, per garantire la sicurezza dei cittadini”

Il Terremoto che ha colpito il centro Italia "pone una grande sfida: ideare, progettare e realizzare una ricostruzione in grado di garantire la sicurezza delle persone"

Il Terremoto che ha colpito il centro Italia “pone una grande sfida: ideare, progettare e realizzare una ricostruzione che sia capace di definire non solo nuove tecniche ricostruttive, ma anche l’utilizzo di nuovi materiali da impiegare per la realizzazione di case e altri fabbricati in grado di garantire, in un’area altamente sismica, la sicurezza delle persone”. Lo ha sottolineato la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini durante la cerimonia di consegna degli attestati,svolta al Centro regionale di protezione civile a Foligno, ai 69 ingegneri che hanno conseguito la qualifica di agibilitatori per la compilazione delle schede Aedes. “Così come, – ha sostenuto ancora Marini – per lo straordinario patrimonio artistico che il Terremoto ha drammaticamente danneggiato, dimostrandone tutta la sua fragilità, dobbiamo poter immaginare una ricostruzione che dal concetto di conservazione si passi a quello di difesa del bene culturale”.

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

“Per tutto ciò, – ha affermato Marini rivolgendosi agli ingegneri – le vostre competenze, la ricerca scientifica, saranno di enorme importanza per chi come noi amministratori, e’ chiamato a scrivere le regole della ricostruzione. Ci stiamo, infatti, apprestando ad avviare il percorso istituzionale per la legge regionale che dovra’ definire tutte le caratteristiche della ricostruzione, dal tema delle delocalizzazioni a quello delle tecniche di costruzione e dei materiali da utilizzare. E dunque, anche in questo, il vostro contributo sara’ molto importante. Posso quindi assicurarvi che, come avete scritto e chiesto con la vostra ‘lettera di intenti’, non mancheranno le occasioni di confronto e collaborazione per un lavoro comune nell’interesse delle nostre comunita’”. La volontà della Rete, che in Umbria – riferisce la Regione – raggruppa oltre 11 mila professionisti tra ingegneri, architetti, geologi, geometri, periti industriali e agrari e agronomi, è quella di migliorare la “resilienza”, termine usato in ingegneria per indicare la capacità di un materiale di assorbire energia, e che in protezione civile si muta nella capacitò di una comunità, del suo territorio e infrastrutture, di affrontare gli eventi calamitosi, di superarli e di uscirne rafforzata e addirittura trasformata.

LaPresse/Mario Sabatini
LaPresse/Mario Sabatini

Nello specifico, come risulta dalla lettera d’intenti consegnata alla presidente da Roberto Baliani, coordinatore della Rete, il contributo dei professionisti può riguardare le attività di prevenzione e qualificazione, il rilievo del danno e vulnerabilità non solo in emergenza, la vigilanza per prevenire il rischio soprattutto idrogeologico sul territorio, la collaborazione con gli enti istituzionali nelle funzioni delle sale operative in emergenza o nella reperibilità per la diagnosi dei fenomeni calamitosi, l’informazione ai cittadini e la formazione in materia di Protezione civile. In questa direzione si sono già mossi gli Ordini degli Ingegneri delle province di Perugia e Terni che dispongono di sezioni operative composte da professionisti con la qualifica di agibilitatori, 44 a Perugia e 25 a Terni, i quali, dallo scorso 24 agosto, stanno supportando la Protezione civile nazionale e regionale nella attività di rilevazione dei danni e delle agibilità degli edifici. Il tutto è possibile grazie a una collaborazione che nasce dall’adesione all’Associazione nazionale ingegneri per la prevenzione e le emergenze (IPE).

LaPresse/Mario Sabatini
LaPresse/Mario Sabatini

Baliani, in qualità di presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Perugia, ha innanzitutto ringraziato i colleghi che con il loro operato in questa situazione di emergenza, sono la testimonianza della missione sociale degli ingegneri all’interno della comunità. “La proposta, che nasce prima degli eventi sismici, contiene uno scatto importante – ha spiegato – se fino ad oggi i professionisti hanno partecipato alle associazioni di volontariato come semplici cittadini, oggi propongono di operare come professionisti non solo in fase di emergenza, ma anche a livello di prevenzione e programmazione”. Alla cerimonia di premiazione sono intervenuti anche il presidente della Federazione degli Ordini degli ingegneri della regione Umbria, Simone Monotti, il dirigente del servizio protezione civile Regione Umbria, Alfiero Moretti, Alessandro Severi, coordinatore della commissione Protezione civile della Rete delle professioni tecniche e alcuni rappresentanti dei consigli degli Ordini e Collegi provinciali che costituiscono la Rete.