Maltempo: ghiacciato gran parte lago Oasi Wwf di Alviano Piazzate mangiatoie per uccelli, scoiattoli e anatre

Non accadeva da almeno dieci anni, ma in questi giorni di grande freddo sull'Italia anche il lago dell'Oasi Wwf di Alviano è in gran parte ghiacciato

LaPresse/XinHua

Non accadeva da almeno dieci anni, ma in questi giorni di grande freddo sull’Italia anche il lago dell’Oasi Wwf di Alviano è in gran parte ghiacciato. “Si tratta di un evento straordinario – spiega Alessio Capoccia, responsabile dell’Oasi – perché, con il cambiamento del clima e gli inverni più miti, il ghiaccio negli ultimi anni non si formava più come una volta”. Qualche piccolo accorgimento è stato preso per aiutare gli animali ospitati nell’Oasi. Questi ultimi, dice ancora Capoccia, “riescono sempre a cavarsela, seppure con qualche difficolta’, per cui non disdegnano un nostro piccolo aiuto“: sono state piazzate in varie zone dell’Oasi delle mangiatoie con semi e noci per passeriformi e scoiattoli, e anche del mais per alimentare le anatre. L’Oasi, nata nel 1990, è grande 900 ettari e ospita molte specie di uccelli, tra cui il tarabusino e l’airone bianco maggiore, il cavaliere d’italia e il falco pescatore. Oltre a pescigatto, carpe, il tritone crestato e la rana dalmatina.