Papillomavirus: calano in Italia le dodicenni vaccinate

Calano in Italia le teenager vaccinate contro il Papillomavirus

Calano in Italia le teenager vaccinate contro il Papillomavirus. Un leggero decremento che emerge dai dati, al 31 dicembre 2015, di copertura nazionali e regionali per la vaccinazione Hpv, resi noti dal ministero della Salute. “Come per altri vaccini, i dati 2015 mostrano un leggero decremento nell’ultimo anno, visibile se si confrontano i dati delle rilevazioni 2014 della coorte 2000 (1 dose, 75,2%, ciclo completo 70,8%) con quelli delle rilevazioni 2015 della coorte 2001 (1 dose, 73,1%, ciclo completo 70%)
In dettaglio, i dati relativi alle coorti più vecchie (1997-2001) per le quali l’offerta vaccinale si mantiene gratuita in quasi tutte le Regioni fino al compimento del diciottesimo anno, si attestano su una copertura del 73-76% per almeno una dose di vaccino e del 70-72% per ciclo completo; circa il 4% delle ragazze di ogni coorte ha iniziato ma non completato il ciclo vaccinale. La copertura continua ad essere monitorata annualmente “e si nota un graduale aumento, proprio per effetto del recupero di ragazze vaccinate in ritardo”.
I dati evidenziano un’ampia variabilità delle coperture vaccinali tra le Regioni per tutte le coorti: 37-87% per la coorte 1998, 37-84% per la coorte 2001. La copertura vaccinale media per Hpv nelle ragazze “è discreta se si confrontano i dati con altre nazioni europee, ma ben al di sotto della soglia ottimale prevista dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale (95%)”, rileva il ministero.
Questa vaccinazione è offerta gratuitamente e attivamente alle bambine nel dodicesimo anno di vita (undici anni compiuti) in tutte le Regioni italiane dal 2007/2008. Alcune hanno esteso l’offerta attiva della vaccinazione a ragazze di altre fasce di età. Inoltre Emilia-Romagna e Friuli Venezia Giulia offrono il vaccino anche agli individui, maschi e femmine, Hiv positivi. Alcune regioni, inoltre, hanno recentemente esteso la vaccinazione Hpv ai maschi nel dodicesimo anno di vita (Sicilia, Puglia; altre, come Liguria, Friuli Venezia Giulia e Veneto offrono il vaccino a partire dalla coorte 2004).
Nel nuovo Piano vaccini 2017-2019 e nei nuovi Lea – di cui è attesa la pubblicazione in Gazzetta ufficiale – la vaccinazione gratuita nel corso del dodicesimo anno di età è prevista anche per i maschi; l’offerta attiva, tuttavia, potrebbe raggiungere la piena operatività nel corso del 2018. (AdnKronos)