L’astronauta Samantha Cristoforetti: grazie all’Europa ho realizzato il mio sogno spaziale

LaPresse/Marco Alpozzi

E’ stata l’Europa che mi ha premesso di realizzare il mio sogno di andare nello spazio“: lo ha dichiarato l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti in riferimento all’importanza dell’unità dei Paesi europei per portare avanti “missioni che sembravano fantascientifiche, per realizzare i sogni di tanti giovani, di tante persone“, al lancio de “La mia casa della storia europea” inaugurata oggi in Campidoglio dal Parlamento Europeo alla presenza di oltre 200 ragazzi delle scuole ambasciatrici dell’assemblea di Strasburgo, nell’ambito delle celebrazioni per i 60 anni dei Trattati di Roma. L’astronauta Cristoforetti ha sottolineato di essere andata nello spazio “come astronauta europea dell’Esa e nell’ambito della missione ‘Futura’ dell’Agenzia Spaziale Italiana“. Questo aspetto, ha rilevato Samantha, “dimostra come un progetto nazionale possa svilupparsi all’interno di un progetto europeo“. “Quando sono fuori dall’Europa, quando sono in Russia o negli Stati Uniti per i miei addestramenti, io sono un’astronauta europea ed essere italiana è un fattore in più” ha affermato la prima donna astronauta del nostro Paese, capitano dell’Aeronautica Militare, che ha svolto la sua missione da record per 200 giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale.