Agricoltura: contadini e consumatori insieme contro il lavoro illegale e la povertà

Contadini e consumatori insieme per promuovere il valore dell'agricoltura familiare come risposta alla crisi globale, ai cambiamenti climatici, alle migrazioni

Difendere il lavoro della terra contro il caporalato e povertà. Contadini e consumatori insieme per promuovere il valore dell’agricoltura familiare come risposta alla crisi globale, ai cambiamenti climatici, alle migrazioni. Un grande movimento, cuore della campagna ‘Abbiamo riso per una cosa seria’, promossa dall’ong Focsiv-Volontari nel Mondo, Coldiretti e Campagna Amica, che permetterà di effettuare 41 interventi di agricoltura familiare nelle aree più povere del mondo, a favore di 119.543 famiglie di contadini. Tra gli altri interventi, anche il ‘Villaggio solidale’ nell’area di Rosarno in Calabria che darà ospitalità agli immigrati sottraendoli allo sfruttamento del caporalato, garantendo loro un regolare contratto di lavoro per la raccolta stagionale. Momento clou della campagna, la manifestazione che si svolgerà il 6 e 7 maggio quando in 1.000 piazze, parrocchie e mercati di Campagna Amica oltre 4.000 volontari offriranno pacchi di riso 100% italiano della FdAI – Filiera degli Agricoltori Italiani, a fronte di una donazione minima di 5 euro. “Una grande forza, contadini e consumatori, uniti dalla Campagna per difendere in Italia e nel mondo chi lavora la terra e per garantire il diritto al cibo a partire dai più vulnerabili”, sottolinea Gianfranco Cattai, presidente Focsiv. “Il nostro è un grande movimento – continua Cattai -, rappresentato dai milioni di chicchi di riso offerti dai nostri volontari i primi giorni di maggio, che ribadisce come nessuno di noi sia disposto a delegare alcuno per ciò che ci riguarda più da vicino: il liberarci dalla schiavitù dei prezzi imposti dalle multinazionali dell’agroalimentare, dal fenomeno del caporalato, dai condizionamenti dell’agribusiness, dai cambiamenti climatici e dalle cause che portano all’emigrazione di milioni di persone. Ben consapevoli che solo dall’agricoltura familiare si può avere una risposta alla fame, al bisogno di lavoro e allo sviluppo umano secondo una visione più equa e più giusta di democrazia alimentare e di ecologia integrale”. L’intervento italiano, in particolare, vuole mettere in evidenza come oggi i lavoratori stranieri siano una parte determinante per la crescita del settore agricolo nel nostro Paese, tanto da contarne, secondo i dati della Coldiretti, oltre 300mila impiegati con un regolare contratto in agricoltura. “Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall’ortofrutta sudamericana a quella africana in vendita nei supermercati italiani fino ai fiori del Kenya, un prodotto agroalimentare su cinque che arriva in Italia dall’estero non rispetta le normative in materia di tutela dei lavoratori – a partire da quella sul caporalato – vigenti nel nostro Paese”, afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo. Prodotti stranieri, “spesso frutto di un ‘caporalato invisibile’ che passa inosservato solo perché avviene in Paesi lontani, dove viene sfruttato il lavoro minorile, che riguarda in agricoltura circa 100 milioni di bambini, di operai sottopagati e sottoposti a rischi per la salute, di detenuti o addirittura di veri e propri moderni ‘schiavi'”, aggiunge. Sono ancora 800 milioni le persone che soffrono la fame e l’estrema povertà nel mondo. L’agricoltura familiare è una risposta, a livello locale, a questa grave situazione, in grado di garantire una distribuzione più equa delle risorse, salvaguardare i territori e migliorare la vita delle comunità. Un modello capace di coniugare diritto al cibo e dignità dell’uomo, in grado di restituire il diritto di produrre, prima di tutto, gli alimenti necessari al proprio sostentamento e poi ad avviare un processo di economia territoriale. In Italia questo è un sistema vincente, costruito sull’attenzione alle persone, che trova le proprie radici nella storia agricola italiana, consentendo a molti di lavorare nelle campagne, privilegiando le culture locali, salvaguardando le biodiversità ed i territori senza cedere alla grandi produzioni indifferenziate lontane dal nostro Paese. “Abbiamo lavorato per contrastare i fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento dei campi, dell’infiltrazione della criminalità in ogni fase della filiera, con la convinzione che l’agricoltura possa essere il traino dello sviluppo sostenibile e che la qualità del lavoro diventi sempre più sinonimo di qualità del sistema agroalimentare; ma il contrasto da solo non basta. Per questo apprezzo molto chi, come Focsiv e Coldiretti, unisce le forze per dare risposte di accoglienza e di legalità ai lavoratori”, evidenzia Andrea Olivero viceministro delle Politiche Agricole. “Confiscare – dice ancora il viceministro – senza indugio il patrimonio di chi sfrutta i lavoratori in agricoltura è un’arma in più e oggi, in Italia, è possibile grazie all’approvazione della legge contro il caporalato, che fornisce gli strumenti adeguati per contrastare la vergogna del fenomeno e rappresenta per il nostro Paese un esempio tangibile dell’impegno del Governo, oltre ad un importante traguardo di civiltà”. La campagna partita dagli stadi del Campionato Serie B conTe.it, si avvale del Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e della diffusione nei Centri Missionari Diocesani della Cei.