Alluvione in Sardegna: entro due mesi la sentenza del processo per i morti, per la difesa è stato un “evento eccezionale”

Si appresta a giungere al termine il processo per i morti e i danni causati dall'alluvione del 18 novembre 2013 a Olbia e in Gallura

Si appresta a giungere al termine il processo per i morti e i danni causati dall’alluvione del 18 novembre 2013 a Olbia e in Gallura. Entro due mesi, seguendo il calendario stilato stamani nel tribunale di Tempio, dovrebbe arrivare la sentenza. Tra gli imputati anche l’ex sindaco di Olbia Gianni Giovannelli e tre funzionari comunali, accusati di “omicidio colposo, disastro ambientale e mancata attivazione delle procedure di allarme.”

“Oggi sono stati ascoltati i consulenti convocati dalla difesa. I tre esperti Elvezio Galanti, del dipartimento nazionale di Protezione Civile; Francesco Cipolla, professore universitario e geologo e Claudio Sebastiani, consulente del Cnr, hanno illustrato l’analisi dei dati meteorologici, pluviometrici e storici relativi al momento dell’alluvione a Olbia.” Il pomeriggio del 18 novembre 2013, secondo le analisi dei periti della difesa, “c’e’ stata una concentrazione di pioggia tale – sia a Olbia centro ma soprattutto a monte, nella localita’ Putzolu – da provocare un’onda anomala, che ha scaricato sul rio Siligheddu 2 milioni di metri cubi di acqua a fronte di una capacita’ di tenuta di 100 mila metri cubi al massimo.”

“Si e’ trattato di un evento che non ha precedenti nella storia di Olbia – ha spiegato l’avvocato Nicola Di Benedetto, difensore di Giovannelli -. Il dato importante evidenziato dai consulenti e’ l’eccezionalita’ della pioggia. Un evento che non poteva essere previsto. Infatti tutte le morti sono avvenute in zone della citta’ non segnalate come a rischio”. Travolte dall’onda di piena del ciclone Cleopatra persero la vita 13 persone in Gallura (19 in tutta la Sardegna). Prossima udienza l’8 maggio.