Bibite zuccherate e diet: attenzione, fanno invecchiare il cervello

Le bibite zuccherate e 'diet', quelle che promettono molto gusto e poche calorie, sono dannose per il cervello, in quanto lo fanno invecchiare

Le bibite zuccherate e ‘diet’, quelle che promettono molto gusto e poche calorie, sono dannose per il cervello, in quanto lo fanno invecchiare. Quelle zuccherate in particolare aumentano il rischio di Alzheimer, quelle ‘diet’ il rischio di demenza e di ictus. Lo affermano due studi della Boston University pubblicati dalle riviste Stroke e Alzheimer and Dementia. Entrambe le ricerche sono state condotte su soggetti arruolati nel Framingham Heart Study’s Offspring and Third-Generation, che comprende figli e nipoti dei partecipanti al Framingham Study del 1948.

Nel primo sono state analizzate 4mila persone sottoposte a risonanza magnetica e a test cognitivi: coloro che consumavano più di due bibite zuccherate al giorno, mostravano diversi segni di invecchiamento del cervello, come il volume ridotto e una memoria peggiore, i tipici fattori di rischio per l’Alzheimer. Nel secondo studio i ricercatori hanno analizzato quante bibite zuccherate e diet erano state bevute dal gruppo tra il 1991 e il 2001, verificando poi se nel decennio successivo c’erano stati episodi di ictus o demenza. Rispetto a chi non assumeva bevande diet il rischio per chi invece ne consumava una o piu’ al giorno e’ risultato tre volte maggiore sia per demenza che per ictus. “Questi studi dimostrano una correlazione, ma non un rapporto di causa-effetto – sottolineano gli autori -. Ci sono diverse teorie sul possibile legame tra bibite diet e demenza, ma servono piu’ ricerche”.