Igor Vaclavic, le ricerche proseguono senza sosta anche nel giorno di Pasqua

Continua senza sosta anche a Pasqua, nelle terre di confine tra il bolognese e il ferrarese, la caccia a Norbert Feher alias Igor Vaclavic, il killer serbo ricercato per gli omicidi del barista Davide Fabbri, ucciso la sera dell’1 aprile a Riccardina di Budrio durante un tentativo di rapina, e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri, assassinato una settimana dopo nella zona di Portomaggiore mentre era impegnato con un collega della polizia provinciale in un servizio anti-bracconaggio. Sono centinaia le forze dell’ordine impegnate quotidianamente nell’immensa area boschiva (40 km quadrati) tra le oasi di Campotto e Marmorta. “Lasceremo questo spiegamento di forze sul territorio finché non lo avremo trovato“, ha detto ieri – rispondendo anche alla preoccupazione degli abitanti – il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, intervenuto a nome del Governo ai funerali di Verri a Ospital Monacale. Gli investigatori lavorano anche sulle celle telefoniche e sui possibili appoggi del killer.