Killer in fuga, si scava tra i contatti: proseguono le ricerche, ma c’è l’incognita meteo

Le valli e gli acquitrini a nord del comune bolognese di Molinella continuano a nascondere Norbert Feher, il killer ricercato per gli omicidi di un barista e di un volontario

Le valli e gli acquitrini a nord del comune bolognese di Molinella continuano a nascondere Norbert Feher. Il serbo 41enne indagato dalle Procure di Bologna e Ferrara per gli omicidi del barista Davide Fabbri e del volontario Valerio Verri non è ancora stato trovato, alla fine del sesto giorno di ricerche. La caccia all’uomo coordinata dai paracadutisti ‘Tuscania‘ dei Carabinieri continuerà anche per le festività pasquali, quando sulle operazioni piomberà la variabile maltempo. La protezione civile ha diramato per domani un’allerta temporali su tutto il territorio emiliano-romagnolo. E se qualcuno ritiene che la pioggia potrà contribuire a stanare il fuggiasco, allagando i nascondigli e bagnando il terreno cosi’ da rendere più riconoscibili i segni del suo passaggio, altri investigatori temono che il meteo sfavorevole possa creare le condizioni perché riesca a sgusciare via dalla ‘zona rossa’, quaranta chilometri quadrati di paludi tra Marmorta e Campotto, circondati dai posti di blocco e setacciati giorno e notte dalle squadre. In quell’area, continuano a pensare gli inquirenti, Feher ha il suo rifugio, tra canali e boscaglia.

“Questi territori, che molti di noi (nati qui) amano profondamente, non sono una specie di foresta selvaggia sulle rive del Mekong. Non siamo alle colonne d’Ercole della civilta’: cio’ non toglie nulla alla difficolta’ della ricerca di queste ore, di questi giorni. Ne siamo tutti consapevoli”, ha detto il sindaco di Molinella, sentendo di dover difendere la sua terra da descrizioni a lui apparse troppo colorite. Il primo cittadino e’ in contatto h24 con gli investigatori, che continuano a scandagliare la vita del killer e le sue conoscenze, nell’ipotesi che qualcuno possa avergli dato una mano tra l’omicidio di Budrio e quello a Portomaggiore, l’1 e l’8 aprile, e magari anche dopo.

Intanto, mentre emerge un possibile tentativo di rapina commesso dall’indagato tra i due delitti, ad Argenta, la Procura di Bologna ha avviato indagini sulla diffusione delle prime notizie e foto che indicavano dapprima in un ex militare dell’est, poi in Igor Vaclavic, l’alias di Feher, il ricercato dell’omicidio di Budrio: e’ in corso la generalizzazione dei giornalisti che le hanno pubblicate. Domani, alle 9.30 a Ospital Monacale, frazione di Argenta (Ferrara), sara’ il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti a rappresentare il Governo ai funerali di Valerio Verri, 62 anni, guardia ecologica volontaria, seconda vittima del killer in fuga.