Orecchie a sventola: triplicati gli adolescenti che le correggono col bisturi

Sempre più adolescenti chiedono aiuto al bisturi per correggere le orecchie a sventola, triplicati gli interventi di questo tipo

Sempre più adolescenti chiedono aiuto al bisturi per correggere le orecchie a sventola. “Sono proprio gli adolescenti, soprattutto maschi tra i 13 e i 16 anni, a voler correggere questo inestetismo nei nostri studi. Da un anno a questa parte abbiamo triplicato gli interventi di questo tipo”, dice all’Adnkronos SALUTE Giulio Basoccu, chirurgo estetico responsabile della Divisione di chirurgia plastica, estetica e ricostruttiva dell’Ini Istituto Neurotraumatologico Italiano e docente all’Università degli Studi di Tor Vergata.

Oggi, grazie a una tecnica particolare, le orecchie a sventola si possono correggere in cinque minuti in anestesia locale e anche in giovane età. Ed è per questo motivo che la richiesta di eliminare questo inestetismo è aumentata – aggiunge Basoccu – E’ arrivata in Italia una validissima alternativa chirurgica, eseguibile in pochi minuti in anestesia locale, con un tempo di recupero velocissimo, ridotto massimo ad un giorno. Per dire, in alcuni casi si può tornare al lavoro per esempio a poche ore dall’intervento. Sicuramente già dal giorno dopo il paziente sta bene; è in grado di tornare alle normali attività lavorative e sociali. Questo vale anche per i ragazzi, che però dovranno fare attenzione alle attività sportive”.

Ma come funziona questa tecnica? “Il chirurgo utilizza un nuovo dispositivo che si chiama Earfolder. Si presenta come una clip rimodellata che dà una forma e una piega all’orecchio esattamente come la desidera il paziente. L’aspetto interessante è che durante la visita il chirurgo estetico può far vedere subito come sarà il nuovo orecchio e quindi scegliere insieme al paziente la forma ottimale, attraverso una clip di prova” spiega Basoccu, che è anche presidente di Secondo Cuore Onlus. Il sistema “è sicuro perché non spezza le fibre elastiche della cartilagine auricolare, inoltre non richiede bendaggi compressivi dopo l’intervento, e le complicazioni del post operatorio risultano inesistenti. L’intervento tradizionale attuato per correggere le orecchie a sventola ha generalmente un tempo chirurgico di almeno due ore con una degenza di una notte“, conclude l’esperto.