Paesaggi incredibili e civiltà misteriose: ecco come raggiungere la bellissima Sardegna in traghetto per il Giro d’Italia e le vacanze estive

Giro d’Italia: la Sardegna si prepara ad accogliere la Carovana Rosa e il suo seguito di turisti, curiosi e addetti ai lavori

La Sardegna si prepara a dare il via all’edizione n° 100 del Giro d’Italia: appuntamento ad Alghero la prima settimana di Maggio, poi Venerdì 5 la prima tappa con arrivo a Olbia per un lunghissimo weekend che si concluderà domenica 7 a Cagliari. Cresce l’attesa a meno di un mese dal via dalla corsa rosa, nella sua edizione più affascinante perché celebrativa del centenario, con una straordinaria sfida sportiva che vedrà il fenomeno colombiano Nairo Quintana contendere il successo ai beniamini italiani Vincenzo Nibali e Fabio Aru, soprannominato “Il Cavaliere dei Quattro Mori” per la sua origine sarda, per cui l’isola è pronta ad impazzire. Un appuntamento storico per la Regione ricca di civiltà misteriose, vecchie tradizioni, buon cibo e paesaggi incredibili.

La Sardegna si prepara ad accogliere la Carovana Rosa e il suo seguito di turisti, curiosi e addetti ai lavori. La meta più amata dai VIP italiani e stranieri, diventerà il punto di riferimento sportivo della stagione primaverile 2017. Sarà senza ombra di dubbio un grande trampolino di lancio per l’estate, in cui l’isola potrà esaltare le proprie perle. Raggiungerla via mare è comodo da svariate località, persino dalla Corsica, un altro splendido gioiello Mediterraneo. E’ possibile raggiungere la Sardegna in traghetto partendo da diversi porti italiani e stranieri.

Giro d’ItaliaMare cristallino e atmosfera suggestiva la fanno da padrone in Costa Smeralda dove tra un tuffo e l’altro è possibile incontrare calciatori, veline ma anche imprenditori di successo nel mondo e politici di primo piano a livello internazionale. Meta per tutti i gusti, la Sardegna riserva angoli dalla natura incontaminata per i meno “gossipari”: c’è ad esempio il Parco Nazionale Arcipelago della Maddalena, ma anche le zone interne del Gennargentu con alte vette nel cuore del Mediterraneo.

Caprera è famosa per aver accolto Giuseppe Garibaldi durante il suo esilio mentre straordinaria è la Spiaggia Rosa con la sua caratteristica sabbia che la rende famosa in tutto il mondo. La Grotta di Ispinigoli offre un paesaggio insolito e suggestivo grazie ai mille colori dati dalle formazioni di calcare. Lunghe distese di sabbia lucente e acque smeraldine caratterizzano l’area di Capo Carbonara dove è possibile incontrare i delfini e ammirare paesaggi suggestivi.

Il Nuraghe, unico nel suo genere, è una struttura in pietra tipica del territorio sardo. Su Nuraxi è infatti uno dei villaggi nuragici più grandi dell’isola riconosciuto come patrimonio mondiale dell’Umanità. Non solo, quindi, mare e natura: anche storia e cultura.

I Caraibi non sembrano poi così lontani se si visita l’isolotto di Tueredda, caratterizzato da una ricca macchia mediterranea.