Ricerca: allo studio stimolazione elettrica del cervello per migliorare i soldati

L'esercito statunitense starebbe sperimentando la tecnica della stimolazione elettrica cerebrale

elettroceutica

L’esercito statunitense starebbe sperimentando la tecnica della stimolazione elettrica cerebrale per migliorare le prestazioni di alcuni reparti. Secondo il sito military.com si tratterebbe di un pacchetto di strategie che coinvolge anche l’utilizzo di farmaci. Sembra che gli stimoli (impulsi che raggiungono la corteccia motoria) riescano a portare il cervello in uno stato che faciliterebbe l’apprendimento. “Dall’inizio dell’anno le unita’ speciali della Marina hanno iniziato un programma di miglioramento cognitivo su un piccolo gruppo di volontari per valutare la possibilita’ di migliorare le performance con la neurostimolazione. Gli elementi che stanno testando questa tecnologia includono personale del Naval Special Warfare Develoment Group, meglio conosciuto come il “Seal Team Six”. I risultati preliminari sono incoraggianti, e ci spingono ad andare avanti nella ricerca,” ha dichiarato Jason Salata, un portavoce dell’esercito.