Terremoto, Errani: “Ricostruire richiede fiducia, per Castelluccio non è il tempo delle polemiche”

"Ricostruire richiede fiducia": lo afferma Vasco Errani, commissario straordinario alla ricostruzione post Terremoto, in risposta a uno dei cittadini di Castelluccio di Norcia

LaPresse/Mario Sabatini

“Ricostruire richiede fiducia”: lo afferma Vasco Errani, commissario straordinario alla ricostruzione post Terremoto, in risposta a uno dei cittadini di Castelluccio di Norcia, riguardo la reale possibilità di ripristinare la viabilità entro l’estate e che il borgo potrà essere ricostruito in tempi rapidi. “Questo non e’ il tempo delle polemiche o dell’alimentare la sfiducia delle persone – ha aggiunto Errani -, ma quello per affrontare le questioni e cercare le soluzioni migliori. Se non ritroviamo lo spirito del fare andremo poco lontano“.

Il commissario ha sposato la richiesta di “avere tempi certi sulla riapertura delle strade o sulla delocalizzazione delle attivita’ commerciali di Castelluccio” avanzata da Roberto Pasqua, presidente della Comunanza agraria del borgo. Ha proposto “un monitoraggio che consenta agli abitanti di Castelluccio di avere sempre aggiornato il quadro della situazione sulle opere in essere”.

Categorico nel ricordare le regole con le quali si assegnano le casette a chi non ha piu’ un alloggio agibile. “Le Sae – ha detto – sono soltanto per chi ha perso la prima casa e non per coloro che a Castelluccio avevano la seconda abitazione“. Durante l’incontro è emerso che nella località serviranno, a detta degli abitanti, almeno una ventina di Soluzioni abitative di emergenza. “Se ci saranno tutti i requisiti previsti – ha spiegato Errani rivolgendosi agli abitanti – non sara’ un problema soddisfare questa richiesta, tenendo conto anche della situazione difficile che il territorio riserva. E’ impensabile che possiamo costruire le casette nel Pian grande, sarebbe come uccidere Castelluccio che e’ il vostro tesoro”.