Terremoto, l’Anpi: “La Resistenza ci impegna a una solidarietà concreta”

Il terremoto ha portato distruzione e ''disgregato e diviso intere comunita': per questo e' ancora piu' necessario impegnare le energie che ci vengono dall'insegnamento della Resistenza"

Il terremoto ha portato distruzione e ”disgregato e diviso intere comunita’: per questo e’ ancora piu’ necessario impegnare le energie che ci vengono dall’insegnamento della Resistenza e dell’antifascismo nella costruzione di una concreta solidarieta’, nella vicinanza a coloro che sono stati maggiormente colpiti e in una ricostruzione deve che sia anche sociale e culturale”. Lo afferma l‘Anpi delle Marche, impegnata a organizzare le manifestazioni del 25 aprile. “L’Associazione dei partigiani invita tutti a partecipare il 23 aprile alla Marcia della Memoria Caldarola-Montalto, nel cuore del cratere, e all’assemblea con i sindaci dei Comuni terremotati. Sono stati invitati il presidente della Regione Marche e il commissario straordinario per la ricostruzione, perche'”, conclude l’Anpi, ”le conseguenze del terremoto non sono limitate ai soli territori colpiti ma riguardano l’insieme del contesto economico, sociale, culturale, politico ed istituzionale delle regioni appenniniche”.