Terremoto, turisti a Macerata per Pasqua: comincia la ripresa

Sono stati quasi 900 i turisti che durante le festività di Pasqua hanno deciso di visitare i musei di Macerata

Sono stati quasi 900 le persone che durante le festività di Pasqua hanno deciso di visitare i musei di Macerata. Tanti, riferisce una nota dell’amministrazione comunale, i turisti che sono arrivati da Modena, Bergamo, Treviso, Venezia, Livorno, Savona, Bologna, Ragusa. Ma anche da Loreto, Fermo, Fano, Porto Sant’Elpidio. E non sono mancati gli stranieri, giunti dall’Argentina e dalla Germania. Particolarmente apprezzati i Musei civici di Palazzo Buonaccorsi, con le sale dedicate all’arte antica e moderna, la splendida Sala dell’Eneide e il Museo della Carrozza, lo Sferisterio e Palazzo Ricci, da poco entrato nella rete di Macerata Musei.

“Siamo molto contenti di questo risultato. Dopo i mesi difficili del sisma, oggi sentiamo che il territorio e’ in ripresa. Vedere i musei con la gente, i turisti sotto l’Orologio astronomico in attesa dell’uscita dei Magi, le persone in fila, ci convince che e’ tanto l’amore per la bellezza del nostro paesaggio” ha detto l’assessore alla cultura Stefania Monteverde. “Il numero di oggi e’ inferiore a quello degli anni passati ma ci incoraggia ad essere ottimisti per la stagione estiva. Siamo pronti con i festival e le mostre per rendere sempre piu’ ricca l’offerta culturale”. Un’insegnante di liceo di Ravenna in visita a Palazzo Buonaccorsi ha commentato: “Splendido, un posto ideale anche per le gite delle scuole. Ci tornero’ con i miei studenti”.