Vaccini, Renzi: “Fidiamoci della scienza, respingiamo la paura”

"La polemica sui vaccini va affrontata in modo scientifico non ascoltando i guru che pontificano su cose che non conoscono"

“Ho letto i giornali e vorrei parlare solo dei Simpson, che oggi compiono 30 anni. Si invecchia ragazzi: i Simpson, 30 anni, 19 aprile 1987, Fox. Ma poi leggo ciò che dicono di nuovo oggi sui vaccini. E leggo di come una classe dirigente che vorrebbe governare il Paese giochi sulle paure delle persone rischiando di fare del male ai nostri bambini e alle nostre bambine”. Lo scrive Matteo Renzi sulla sua pagina Facebook. “Lo dico forte e chiaro: credo nella scienza, non negli apprendisti stregoni. Mi fido del pensiero dei medici, non degli algoritmi dei portavoce. Seguo il pensiero di Rita Levi Montalcini o di Veronesi, non di Beppe Grillo e delle sue tesi sulla mammografia -prosegue l’ex premier-. E la polemica sui vaccini va affrontata in modo scientifico non ascoltando i guru che pontificano su cose che non conoscono”. “Basta vivere di paure, amici. Trovo assurdo doverlo dire e ribadire ma va fatto: non credo alle scie chimiche, non credo ai complotti degli americani sulla Luna, non credo alle sirene. Tutte ipotesi realmente avanzate in questi anni da gente che sta in parlamento a rappresentarci”, scrive ancora Renzi. “Non credo cioè a tutte le assurdità che una classe dirigente improvvisata e priva di etica scientifica ha detto utilizzando un seggio alla Camera e una password su Facebook”, continua l’ex premier. “Date a chi volete il vostro voto, ma non buttate via la vostra vita dietro a queste follie. Teniamo il buon senso al riparo, fidiamoci della scienza, respingiamo la paura”, conclude Renzi.