Energia: le case britanniche potrebbero essere alimentate dai vulcani islandesi

L'idea di sfruttare l'energia dei vulcani islandesi per alimentare le case britanniche ritorna nuovamente alla ribalta ma ora l'interesse di un gruppo di compagnie internazionali fa pensare che possa essere fattibile

LaPresse/XinHua

L’idea di sfruttare l’energia dei vulcani islandesi per alimentare le case britanniche ritorna nuovamente alla ribalta – come riferisce il quotidiano “The Guardian” – ma ora l’interesse di un gruppo di compagnie internazionali fa pensare che possa essere fattibile da un punto di vista commerciale. Entro il 2020 il progetto Krafla Magma Testbed, in corso in Islanda col coordinamento di Geothermal Research Group e British Geological Survey (Bgs), dovrebbe iniziare la fase sperimentale e si fanno strada ipotesi di collaborazione: ci sono stati colloqui informali col colosso petrolifero norvegese Statoil mentre la compagnia mineraria canadese Falco Resources sta finanziando una ricerca collaterale