Giappone: al via a Tokyo il festival “Italia, amore mio!”

Si è aperta oggi, e proseguirà fino a domani, la seconda edizione di "Italia, amore mio!", il più grande festival italiano in Giappone

Raccontare l’Italia e il suo lifestyle unico al mondo, l’Italia d’eccellenza dal fashion ai viaggi, dal cibo alle bevande, dai motori alle due ruote, dalla musica allo sport con uno sguardo alle Olimpiadi e Paralimpiadi del 2020. Si è aperta oggi, e proseguirà fino a domani, la seconda edizione di “Italia, amore mio!“, il più grande festival italiano in Giappone, promosso dalla Camera di Commercio Italiana in Giappone (ICCJ) Due giorni, che vedranno tante esibizioni e incontri con i Vip e le aziende partecipanti all’evento. Testimonial dello sport italiano sarà Bebe Vio, la schermitrice italiana, campionessa paralimpica e mondiale in carica di fioretto individuale e bronzo nel fioretto a squadre. Simbolo di forza e amore per la vita sarà a Tokyo per raccontare l’impegno per le prossime Olimpiadi e Paralimpiadi del 2020 di Tokyo al grido di ‘Life is cool’. Con lei durante la sua visita in Giappone anche Yuki Ota, campione olimpico giapponese di scherma e Shinji Sudo, Presidente della NPO People Design che da anni lavora con i disabili per la promozione di attività sportive e non solo. Bebe avrà modo di incontrare le famiglie di alcuni di questi ragazzi ed essere ispirazione per molti di loro. Una città, Tokyo, che si prepara a ospitare il più grande evento sportivo del 2020 con la costruzione di infrastrutture come il nuovo Olympic Stadium e il Villaggio Olimpico con un focus particolare alla salute e alla promozione di uno stile di vita sano. E’ questo il principale punto d’incontro tra Italia e Giappone e il messaggio della Camera di Commercio italiana in Giappone: raccontare un Paese non solo sinonimo di buon cibo ma di molti altri valori come la social responsibility e la gender equality. Fra i testimonial anche la cantante Arisa che, fresca del successo ottenuto con ”La verità, vi spiego, sull’amore” con il brano dal titolo ”Ho perso il mio amore”, si racconterà al pubblico giapponese. Presente anche la scrittrice giapponese Banana Yoshimoto. ”‘Italia, amore mio’ è un momento fondamentale per affermare l’immagine dell’Italia in Giappone e siamo orgogliosi di avere in Giappone testimonial come Beatrice Vio, Arisa, Andrea Battistoni e gli altri che ci aiutano a raccontare una Italia fatta di cultura e passione. Con la forza e l’impegno di tutta la comunità, in questi anni, faremo in modo di fare sistema per promuovere il valore del nostro grande Paese in ogni sua forma e rafforzare il rapporto con il Giappone come partner strategico” dichiara Giorgio Starace, Ambasciatore d’Italia in Giappone. ”Siamo orgogliosi di poter raccontare un’Italia in evoluzione dove sia le Istituzioni sia le aziende sono sempre più attente a tematiche sociali di natura etica dove la disabilità rappresenta un’opportunità di crescita e dove le minoranze e le donne hanno sempre più spazio in diversi ambiti, fino a qualche tempo fa a prevalenza maschile”, racconta Kuniko Fujinami primo Presidente donna della Camera di Commercio italiana in Giappone. Il festival si concluderà con un concerto firmato Arisa dove Anna Tsuchiya duetterà con l’artista italiana per sancire un legame, quello tra Italia e Giappone, che dura da anni e che rappresenta il successo di molte aziende.