Internet: Svizzera solo sfiorata dal cyberattacco, segnalate 200 infezioni

La Svizzera è stata solamente sfiorata dal vasto cyberattacco sferrato venerdì

La Svizzera è stata solamente sfiorata dal vasto cyberattacco sferrato venerdì, che ha interessato migliaia di computer in tutto il mondo. La centrale federale d’annuncio e d’analisi per la sicurezza dell’informazione (Melani) ha registrato solo circa 200 indirizzi IP elvetici interessati dall’attacco, ha indicato all’ats il direttore Pascal Lamia. Il ransomware – un malware che blocca il computer, richiedendo un riscatto per rimuovere la limitazione – è attivo in più varianti, ha spiegato Lamia. Possiede inoltre la possibilità di diffondersi da solo, non per forza unicamente attraverso e-mail. A livello mondiale il software con il nome “WannaCry” ha raggiunto nel fine settimana 200000 obiettivi in 150 paesi. Le aziende elvetiche erano sul chi vive. “Alla luce dell’attacco abbiamo preso misure preventive“, ha indicato per esempio Swisscom all’ats. Il gruppo è in contatto costante con Melani e con altri partner per bloccare gli indirizzi IP degli incursori. Inoltre sono stati predisposti ulteriori meccanismi di tutela. “Seguiamo costantemente l’evoluzione degli eventi“, assicura il maggiore operatore telecom elvetico.