Le Previsioni Meteo dell’Aeronautica Militare: il bollettino fino al 22 maggio

L’Aeronautica Militare comunica le previsioni meteo sull’Italia fino al 22 maggio

Le previsioni meteo in Italia fornite dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare. Situazione: condizioni moderatamente instabili interessano il sud Italia e in particolare il versante ionico; altrove permangono condizioni prevalenti anticicloniche, con locale instabilita’ pomeridiana sui rilievi tra Abruzzo e Lazio. Tempo previsto fino alle 7 di domaniNord: sereno o poco nuvoloso salvo annuvolamenti in sviluppo diurno sui rilievi alpini e prealpini con brevi rovesci sui tratti lombardo-veneti. Centro e Sardegna: sereno o poco nuvoloso con annuvolamenti pomeridiani sui rilievi montuosi appenninici con occasionali brevi rovesci sui settori montuosi tra Abruzzo e Lazio meridionale, in dissolvimento serale. Sud e Sicilia: molto nuvoloso con rovesci sparsi anche temporaleschi che si localizzeranno verso fine giornata su Puglia salentina, Calabria e Sicilia orientale, dove insisteranno anche durante le ore serali e notturne, attenuandosi invece altrove, ad iniziare dal Molise, Puglia settentrionale e Campania, con schiarite tra il tardo pomeriggio e la sera. Temperature: in diminuzione nei valori massimi al sud; senza apprezzabili variazioni al centro-nord; stazionarie le minime. Venti: moderati settentrionali al centro-sud, con locali rinforzi; deboli orientali al nord. Maripoco mossi i bacini settentrionali; generalmente mossi tutti i restanti mari, localmente molto mosso nella notte lo Jonio meridionale.

aeronautica militare01Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domaniNord: prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso a parte qualche annuvolamento piu’ consistente atteso sia sulle zone alpine e prealpine che, tra la tarda mattinata e le ore pomeridiane, daranno luogo a locali rovesci soprattutto sui rilievi centrali ed occidentali. Sempre durante le ore piu’ calde della giornata un po’ di nubi, ma senza particolari fenomeni associati, tenderanno ad interessare il basso Piemonte e le zone pianeggianti comprese tra Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna orientale. Verso sera si assistera’ ad un aumento piu’ deciso della nuvolosita’, sempre sull’intero arco alpino, con precipitazioni da sparse a diffuse su Valle d’Aosta ed aree montuose del Piemonte. Centro e Sardegna: condizioni stabili e soleggiate sia sulle regioni peninsulari che sull’isola salvo temporanei annuvolamenti nel primo pomeriggio, ma con scarsa o nulla probabilita’ di precipitazioni, sui rilievi umbro-marchigiani, nelle zone interne dell’Abruzzo e sul basso Lazio. Sud e Sicilia: iniziali ampi spazi sereni saranno sostituiti da nubi consistenti che su bassa Campania, zone interne di Basilicata e Puglia, su Calabria e su Sicilia orientale saranno associate a piogge sparse o locali temporali in attenuazione dal pomeriggio inoltrato. Cielo sereno poi su tutto il meridione fino al termine della giornata. Temperature: minime in aumento su gran parte delle regioni settentrionali, su Sardegna e coste tirreniche centro-meridionali; in genere stazionarie o al piu’ in lieve calo sul resto del territorio; massime in lieve rialzo sulle due isole maggiori, su Campania, Basilicata e Calabria; senza sostanziali variazioni sulle rimanenti regioni. Venti: deboli di direzione variabile al nord con tendenza a divenire deboli orientali in Pianura Padana; deboli di provenienza settentrionali altrove ma tendenti a risultare moderati sulle regioni meridionali peninsulari e, solo in mattinata, sulla Sardegna orientale. Marimossi il medio e basso Adriatico, lo Jonio, lo stretto di Sicilia e il Tirreno settore ovest ma con moto ondoso in attenuazione su questi ultimi due mari; poco mossi i rimanenti bacini.

aeronautica militare01Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per i prossimi giorniGIOVEDI’ 18 Nord: al mattino spazi di cielo sereno sui settori centro-meridionali di Friuli-Venezia Giulia, Veneto e gran parte di Emilia Romagna ma con tendenza ad estese velature a partire dal primo pomeriggio; nuvolosita’ sempre piu’ estesa sul resto del settentrione ma con nubi piu’ consistenti sulle zone alpine e prealpine che saranno associate a piogge sparse o locali temporali su Valle d’Aosta e sui rilievi di Piemonte e su quelli centro-occidentali della Lombardia. Centro e Sardegna: rapido aumento della nuvolosita’ alta e sottile sulla Sardegna ma con tendenza a cielo sereno a partire dal tardo pomeriggio; inizialmente cielo sereno o poco nuvoloso regioni peninsulari ma con nubi in aumento, soprattutto sottoforma di velature, ad iniziare dalla Toscana, nel corso della mattinata, in successiva estensione pomeridiana alle rimanenti aree. Sud e Sicilia: prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso seppur con qualche nube in piu’, durante le ore piu’ calde della giornata, in grado di dar luogo a locali rovesci o isolati temporali nell’entroterra campano e sull’Appennino calabro-lucano che si attenueranno nel corso del pomeriggio. Dalla sera attese estese velature su Sicilia, Campania, Molise e Puglia settentrionale. Temperature: minime in aumento anche deciso al nord in lieve calo al centro e stazionarie sulle rimanenti regioni; massime in diminuzione sulle zone alpine e su Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria e in forma piu’ attenuata lungo le coste di Toscana e Lazio e su Sardegna orientale; senza variazioni sul resto del settentrione e nelle zone interne di Toscana e Lazio; in aumento altrove. Venti: deboli o moderati settentrionali su Puglia e coste ioniche della Calabria tendenti a divenire deboli meridionali dal pomeriggio inoltrato; inizialmente deboli variabili o al piu’ di provenienza orientale sul resto del territorio tendenti a assumere provenienza meridionale sulle regioni centrali, sul resto del meridione peninsulare e sulle due isole maggiori, rinforzando in modo deciso sulla Sardegna. Mariinizialmente mossi il basso Adriatico e lo Jonio ma con moto ondoso in attenuazione; poco mossi i rimanenti mari ma con tendenza a divenire mossi o molto mossi dapprima mare e canale di Sardegna e, dalla sera, il basso Tirreno settore ovest. VENERDI’ 19: condizioni all’insegna del maltempo su gran parte del nord con precipitazioni da sparse a diffuse che, specie tra Piemonte e Lombardia, assumeranno carattere temporalesco. I fenomeni risulteranno inizialmente assenti su Friuli-Venezia Giulia, Veneto e settore orientale di Emilia Romagna per poi presentarsi in forma diffusa anche su queste zone a partire dal pomeriggio. Parziale miglioramento su Piemonte occidentale, Liguria di ponente e gran parte di Emilia Romagna per fine giornata. Nuvolosita’ sempre piu’ diffusa anche al centro con piogge o locali temporali che dalla Toscana, dove risulteranno piu’ persistenti, andranno ad interessare dalle ore pomeridiane Umbria, Lazio e Marche centro-settentrionali. Temporanee velature in mattinata al meridione in attesa di decisi spazi sereni ad eccezione della Campania dove, dal pomeriggio, le nubi si faranno consistenti e saranno associate a piogge o rovesci sparsi soprattutto dalla serata. SABATO 20: condizioni in miglioramento al nord seppur con precipitazioni sparse che, almeno fino al primo pomeriggio, interesseranno Lombardia, Emilia Romagna e Triveneto per poi attenuarsi definitivamente per fine giornata. Migliora anche al centro peninsulare nonostante piogge o rovesci intermittenti che si esauriranno dal tardo pomeriggio-sera. Nuvolosita’ variabile alternata ad ampie aperture al sud con deboli piogge su Campania, Puglia e settori tirrenici di Calabria. Nel corso del pomeriggio piu’ decise risulteranno le aperture un po’ ovunque anche se isolate precipitazioni insisteranno sulla Calabria tirrenica. DOMENICA 21 e LUNEDI’ 22: tempo che torna a farsi mediamente stabile un po’ ovunque anche se non mancheranno estese velature che dalla Sardegna si porteranno verso le regioni centro-meridionali. Nel corso della giornata di lunedi’ nuvolosita’ a tratti compatta, specie durante le ore piu’ calde della giornata, produrra’ locali rovesci sulle Alpi centro-orientali e sulla Liguria di levante.