Prezzi carburanti: prosegue la bonaccia, compagnie ferme da 10 giorni

Carburanti: neanche oggi si registrano interventi sui prezzi raccomandati da parte delle compagnie

Arrivano a 10 i giorni di bonaccia sulla rete carburanti italiana. Con le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo senza nessun sussulto, infatti, neanche oggi si registrano interventi sui prezzi raccomandati da parte delle compagnie. Anche sul territorio, di conseguenza, prezzi praticati all’insegna della stabilità.
In base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina è pari a 1,524 euro/litro, con i diversi marchi che vanno da 1,517 a 1,548 euro/litro (no-logo 1,502). Il prezzo medio praticato del diesel è pari a 1,368 euro/litro, con le compagnie che passano da 1,365 a 1,388 euro/litro (no-logo a 1,343).
Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è di 1,646 euro/litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,604 a 1,733 euro/litro (no-logo a 1,534), mentre per il diesel la media è a 1,496 euro/litro, con i punti vendita delle compagnie da 1,457 a 1,582 euro/litro (no-logo a 1,377). Il Gpl, infine, va da 0,589 a 0,617 euro/litro (no-logo a 0,592). (AdnKronos)