Spazio: lancio “senza ritorno” per SpaceX

Nuovo successo per SpaceX: lanciato dalla Florida un satellite per la comunicazione commerciale

Lancio inconsueto per SpaceX. L’azienda di Elon Musk ha effettuato ieri il liftoff di Falcon 9 dal Kennedy Space Center per la messa in orbita di un satellite Inmarsat, ma il rientro del primo stadio – spiega l’Agenzia Spaziale Italiana – non è stato tentato perché il carico era il più pesante mai portato fino ad ora.

Costruito da Boeing, il satellite pesa circa 6.100 chilogrammi e supera così il record precedente stabilito a marzo dal Echostar 23.

La partenza, avvenuta all’1:21 di notte italiana, ha portato con successo il nuovo satellite – chiamato Inmarsat 5 F4 – in orbita geostazionaria, dove è arrivato 32 minuti dopo.

La decisione di non far rientrare il primo stadio del Falcon 9 è stata dettata proprio dal grande peso del payload.

La manovra avrebbe infatti richiesto un surplus di carburante, mentre è stato necessario utilizzare la massima energia per spingere il vettore verso l’orbita GTO. E così quando il primo stadio ha esaurito il suo compito è precipitato verso l’Oceano Atlantico, mentre il secondo stadio ha continuato a spingere il satellite a destinazione.