Terremoto, sindaco Norcia: “L’indagine sui nostri edifici aiuterà a migliorarci”

Il sindaco di Norcia Nicola Alemanno risponde in merito all'indagine che ha portato al sequestro della ex sede del Coc

LaPresse/Settonce Roberto

“Siamo contenti che ci sia la massima attenzione sugli edifici della nostra citta’. Indagini come questa ci aiuteranno a migliorare e a trovare le soluzioni piu’ idonee ai problemi”: a dirlo e’ il sindaco di Norcia Nicola Alemanno rispondendo all’ANSA in merito all’indagine che ha portato al sequestro della ex sede del Coc. Provvedimento comunicato all’amministrazione comunale. Alemanno ha specificato che nessun membro della attuale giunta e’ coinvolto nell’indagine. “Quella struttura – ha aggiunto – non era ‘strategica’ per le situazioni d’emergenza. Dopo la scossa del 24 agosto ci avevamo comunque allestito il Coc per l’inagibilita’ degli uffici comunali. E li’ e’ rimasto fino al Terremoto del 30 ottobre quando l’edificio e’ stato dichiarato inagibile“. Il sindaco ha quindi espresso “il massimo rispetto e fiducia nei confronti dell’operato della magistratura“. Costruito con i soldi per il Giubileo del 2000, l’edificio era destinato a info-point per l’accoglienza dei turisti.