Terremoto: “Tradizioni di Maggio” a Preci

"Con questa iniziativa Preci vuole tirare una linea di demarcazione con l'emergenza causata dal Terremoto del 30 ottobre e avviarsi verso un percorso di normalità"

“Con questa iniziativa Preci vuole tirare una linea di demarcazione con l’emergenza causata dal Terremoto del 30 ottobre e avviarsi verso un percorso di normalità”: lo ha detto il sindaco, Pietro Bellini, presentando “Tradizioni di Maggio“, che si svolgerà nella cittadina dal 26 al 28 maggio e che dal 2010 riunisce tutti gli appassionati di folk. “Abbiamo intitolato questa edizione ‘Balla la terra‘, perché qui la terra continua a tremare e noi vogliamo esorcizzare la paura”, ha spiegato Bellini. L’evento, al quale quest’anno parteciperanno anche Marche, Lazio e Abruzzo, prevede concerti con organetti e stornelli, corsi, rassegne, mostre e trekking. Saranno ospiti anche i Cantori di Carpino che con la tarantella porteranno solidarietà dalla Puglia. “Se la ricostruzione spetta alle autorità, il riappropriarsi dei luoghi e della cultura va fatto sulle persone, perché è proprio nei momenti festivi che le comunità si ritrovano”, ha detto Marco Baccarelli, direttore artistico della manifestazione. I visitatori potranno essere ospitati dal Comune di Preci in alcune strutture adibite o campeggiare con le proprie tende.