Turismo, Federalberghi: si prevede un’estate “serena”, Puglia al top

Estate, turismo: a fare la parte del leone dovrebbe essere la Puglia

Si prevede ‘sereno’ per le località turistiche marine, nelle diverse regioni italiane, in vista della stagione estiva, anche se qualche nuvola si addensa su Marche e Abruzzo, che risentono ancora degli effetti negativi del terremoto. A fare la parte del leone, invece, dovrebbe essere la Puglia. Lo scenario viene delineato in base alle prenotazioni registrate fino ad oggi dagli albergatori, convenuti a Rapallo per la 67a assemblea di Federalberghi-Confcommercio. Ed ecco una ipotetica mappa di come andrà il turismo balneare lungo le coste dello Stivale attraverso le testimonianze dei presidenti regionali della federazione.

Sardegna- “Al momento risultano flussi in crescita del 10% rispetto all’anno scorso per i mesi di maggio e giugno e di settembre e ottobre, – afferma Paolo Manca- un aumento dovuto alla buona programmazione dei voli che collegano l’isola con le principali destinazioni centro europee di Gran Bretagna, Germania e Francia. Per luglio e agosto si prevede una crescita più contenuta (3-5%) e al momento in ritardo rispetto al 2016 dovuta a un po’ di indecisione degli italiani”.

Sicilia- “Prevediamo un buon incremento in valore assoluto. Relativamente al turismo alberghiero, scontiamo però l’enorme danno creato dal sommerso che annulla buona parte dei benefici” rimarca Domenico Torrisi.

Puglia- “Anche quest’anno si prevede una crescita a doppia cifra, circa 20% con notevole incremento degli arrivi stranieri” dice Francesco Caizzi.

Calabria- Si prevede una estate ricca di presenze provenienti da nuovi mercati. “Grazie alla vicina Matera, anche il nord della Calabria, guadagna in presenze, e non solo per l’estate, ma anche nei periodi di bassa stagione” afferma Vittorio Caminiti.

Campania- “Previsioni buone in linea con la scorsa estate ” dice Costanzo Iaccarino. Lazio- “Con il 2017 ci siamo messi alle spalle i dodici mesi del 2016 che ci avevano visti fortemente preoccupati” sostiene Walter Pecoraro.

Marche- Le prenotazioni sono inferiori rispetto agli anni scorsi del 20-25% per i mesi da maggio a luglio, agosto e’ in linea con lo scorso anno. “Speriamo che non ci siano altri eventi e il tempo sia buono” dichiara laconico Emiliano Pigliapoco.

Abruzzo- Si registra una domanda nazione ed europea dinamica ed interessata verso I prodotti turistici abruzzesi. “Soddisfacente riconferma come sempre della clientela’ fidelizzata. Auspicando che le condizioni climatiche ci aiutino”dice Gianmarco Giovannelli.

Toscana- In ripresa i turisti italiani e di ritorno i russi con prospettive positive per voli Emirates su Pisa da Doha e Dubai, rivela Paolo Corchia.

Liguria- Grandi speranze per il ponte del 2 giugno dopo un maggio debole. “Calma piatta sino a metà giugno. Ma si prevedono tre mesi di pieno sino al 15 settembre” segnala Americo Pilati.

Veneto – “Quest’anno a giugno dovrebbe andare meglio dell’anno scorso, per i tre mesi estivi come nel 2016, dovremmo quindi chiudere con significativo segno più” sostiene Marco Michielli.

Emilia Romagna- la stagione è iniziata presto, i ponti e la Pasqua sono andati bene, si preannuncia una stagione positiva, come e meglio del 2016″ conclude Patrizia Rinaldis dalla riviera romagnola.