Vaccini, il Garante per l’infanzia: “L’obbligo è importante per l’Italia”

"La vaccinazione è un mezzo insostituibile per la protezione dell'infanzia, a tutela sia del singolo che dell'intera comunità", lo ha detto l'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza

“La vaccinazione è un mezzo insostituibile per la protezione dell’infanzia, a tutela sia del singolo che dell’intera comunità”. Lo ha detto l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, Filomena Albano, intervenuta oggi al Convegno della Federazione Italiana Medici Pediatri “Children 2017” svoltosi a Bari, nel quale ha parlato del tema dei diritti dei minori in Italia.

“Dopo l’approvazione dei Livelli essenziali di assistenza, con l’obbligatorietà dei vaccini abbiamo compiuto un nuovo passo in avanti a tutela dell’infanzia” ha detto la Garante Albano, che ha sottolineato altresì l’importanza del ruolo attivo e sociale del pediatra di fronte alle sfide di una società in forte cambiamento: “le diverse e nuove dipendenze che vedono coinvolte le persone di minore età, la presenza di tanti minori stranieri soli, le tante forme di trascuratezza e di violenza a danno dei minori, chiedono di valorizzare il ruolo attivo e sociale del pediatra, figura di rifermento cardine nel rapporto fiduciario con il bambino e le famiglie”. Ribadendo il valore dell’intervento legislativo sui vaccini, Filomena Albano ha inoltre aggiunto: “il provvedimento appena approvato va accompagnato con un forte investimento sulla consapevolezza del valore della vaccinazione, poiché la conoscenza consapevole diffusa e’ la forma più efficace di prevenzione a tutela dell’infanzia”.