Nei: come nascono? Quando è il caso di allarmarsi?

Cinque punti per capire se abbiamo nei pericolosi sulla pelle e cosa fare

Possono essere già presenti alla nascita o formarsi col passare del tempo; sono piccoli, tondi, dai contorni netti e dal colore uniforme, oppure piatti, rilevati o lisci. I nei ricoprono molte parti del nostro corpo  e l’aumento del loro numero o delle loro dimensioni è un fenomeno naturale, ma quando bisogna stare allerta?

L’American Academy of Dermatology suggerisce un piccolo alfabeto per imparare a distinguere tra nei e melanomi maligini, causa quest’ultimi di tumori alla pelle.

A: Asimmetria –> i melanomi a differenza dei nei hanno forma irregolare, non sono circolari nè tondeggianti.

B: Bordi –> i margini dei melanomi sono frastagliati ed irregolari.

C: Colore –> colore sfumato tendente al nero o marrone scuro è indice di melanoma in crescita; man mano che il tumore progredisce possono comparire rosso, bianco e anche il blu.

D: Dimensione –> Le dimensioni aumentano sia in lunghezza che in spessore per i melanomi. Se si superano i sei millimetri di diametro è bene rivolgersi a uno specialista.

E: Evoluzione –> una macchia non stabile che continua a crescere deve farci stare in guardia.

La prevenzione maggiormente raccomandata dagli esperti è l’autoispezione e fare visite di controllo cicliche per intervenire in tempo.