Salute: sonno difficile per il 10-30% dei bambini, i consigli dei pediatri

Un problema, quello dell'insonnia, che colpisce tra il 10-30% dei bambini italiani, e arrovella molti genitori

Sonno interrotto in piena notte da pianti e incubi, o che non arriva mai tenendo i piccoli ‘gufi’ con gli occhi aperti fino a tardi. Un problema, quello dell’insonnia, che colpisce tra il 10-30% dei bambini italiani, e arrovella molti genitori. Orari regolari, ambienti silenziosi e poco illuminati sono alcune delle indicazioni dei medici dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, contenute nel nuovo numero di ‘A scuola di salute’, il magazine digitale a cura dell’Ibg (Istituto Bambino Gesù per la salute del bambino e dell’adolescente) diretto da Alberto Ugazio. Il sonno è un bisogno vitale e serve a mantenere il corretto sviluppo cognitivo. Di notte, infatti, il cervello resta attivo ed effettua una specie di ‘back up’ delle attività cognitive diurne. Dormire male, soprattutto nei più piccoli, non permette loro di riordinare e collegare informazioni ed esperienze ricevute durante il giorno. I disturbi più frequenti in età pediatrica, ricordano gli esperti, consistono nella difficoltà a iniziare e mantenere il sonno e nei risvegli multipli notturni. Cosa fare allora? La regola è quella di definire orari e metodi certi nel tempo. Soprattutto nei neonati, infatti, la regolarità del sonno esprime la capacità di adattarsi alla routine di addormentamento proposta dai genitori nel corso dei primi mesi. E’ sempre bene, raccomandano i pediatri, far addormentare il bambino nella sua stanza ed evitare di prenderlo in braccio per spostarlo dal letto di mamma e papà al suo. Inoltre, l’ambiente in cui dorme deve essere il più silenzioso e il meno illuminato possibile. Se il bambino non vuole dormire da solo, ci si può avvicinare al suo letto e leggergli una favola per esorcizzarne le paure. Se il sonno non arriva, “allora sarà necessario allontanarsi, rimanere comunque nelle sue vicinanze e rassicurarlo dicendogli che non ce ne andremo finché non si addormenterà“. “Si può ricorrere alla figura del ‘facilitatore’, rappresentato ad esempio da un punto luce nella stanza, da un orsacchiotto di peluche oppure dalla coperta preferita. Non insistere se il bambino vuole dormire senza troppe coperte o se, al contrario, preferisce indossare un ‘pigiamone’. Se vi chiama in piena notte senza un motivo reale, rassicuratelo a distanza e non precipitatevi subito da lui“, raccomandano gli esperti. Accorrendo subito, spiegano infatti, non farete altro che confermargli le sue paure nello stare da solo. C’è poi il problema dei piccoli russatori. Il problema riguarda 1 bambino su 10 ed è il sintomo più lieve e frequente tra i disturbi respiratori ostruttivi nel sonno. E’ causato soprattutto dall’ingrossamento di tonsille e adenoidi, ma anche da obesità, malformazioni cranio-facciali e malattie neuromuscolari. Nel 37% dei casi il russamento può provocare apnee ostruttive. Studi recenti hanno dimostrato che il disturbo può creare perfino problemi cardiovascolari, con aumento dei valori della pressione. Tra le visite approfondite da effettuare, ricordano gli esperti del Bambino Gesù, c’è la polisonnografia, l’esame diagnostico di riferimento in cui è previsto un ricovero in centri specializzati. Nel corso dell’accertamento si analizzano i segnali cardiorespiratori (per identificare le apnee) e quelli elettroencefalografici (per riconoscere i vari stadi del sonno). Le apnee ostruttive notturne possono anche essere legate alle ‘malocclusioni’, le chiusure non corrette delle arcate dentali. Un pericolo che insorge già ai 5 anni di età e legato alla contrazione del palato, che può ridurre il passaggio d’aria attraverso le vie aeree superiori. Per una corretta valutazione del problema è fondamentale il lavoro di squadra tra diversi specialisti.