Accadde oggi, 1938: “La pura razza italiana esiste e molti, tra cui gli ebrei, non vi appartengono”

Era il 14 luglio 1938 quando sul Giornale d’Italia venne pubblicato il documento dal titolo "Il fascismo e i problemi della razza", più noto con il nome di Manifesto della razza

Una vergogna tutta italiana. Era il 14 luglio 1938 quando sul Giornale d’Italia venne pubblicato il documento dal titolo “Il fascismo e i problemi della razza”, più noto con il nome di Manifesto della razza. Nel documento furono evidenziati i risultati di uno studio condotto da un gruppo di scienziati e docenti universitari fascisti, fino a quel momento poco noti in ambito scientifico. Secondo gli studiosi in questione “le razze umane esistono” ed “esiste ormai una pura razza italiana” alla quale “gli ebrei non appartengono”.

hitler-e-mussolini-alleano-contro-francia-e-regno-unitoSulla scia dei ‘colleghi’ tedeschi, dunque, anche i fascisti teorizzano e fanno proprie idee e studi fuorvianti, il cui unico scopo era quello di giustificare i soprusi e la barbarie ai quali ebrei, e altri cittadini ritenuti ‘indegni’, venivano sottoposti. Ricordiamo che già nel 1925 erano state emanate le cosiddette Leggi fascistissime, che prevedevano restrizioni e limitazioni gravi alle libertà di molti cittadini e che segnarono il passaggio, giuridicamente parlando, dal Regno d’Italia all’autoritario regime fascista.