Cortina: salvo escursionista disperso sul Sorapiss

La questura di Cortina è stata allertata da un escursionista che diceva di trovarsi in difficoltà sulla Ferrata Vandelli, l'itinerario attrezzato del Sorapiss

E’ salvo l’escursionista scomparso ieri sul Sorapiss. Ieri sera passate le 20, la questura di Cortina d’Ampezzo (Belluno) è stata allertata da un escursionista che diceva di trovarsi in difficoltà sulla Ferrata Vandelli, l’itinerario attrezzato del Sorapiss che attraversa i comuni di Cortina e Auronzo di Cadore. All’uomo, che aveva parlato del Bivacco Comici, già territorio di Auronzo, è stato detto di non muoversi e che sarebbe stato messo in contatto con il Suem 118. Non appena la centrale operativa ha provato a richiamarlo, il cellulare è risultato da allora irraggiungibile. Prossima la scadenza delle effemeridi, l’equipaggio dell’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato per una ricognizione. Dopo aver sorvolato a lungo tutto il percorso fino al Bivacco Comici, l’eliambulanza è rientrata con esito negativo. Nella notte si è risaliti all’ultima cella telefonica agganciata, sul versante auronzano, e alle 5.30, con a bordo personale del Soccorso alpino di Cortina, è intervenuto l’elicottero convenzionato dell’Air service center, mentre i soccorritori di Auronzo si ritrovavano a Palus San Marco per avviare la ricerca dalla loro parte. Dopo aver sbarcato due soccorritori in quota, l’elicottero ha poi perlustrato la zona e ha infine individuato l’uomo, un turista belga di 69 anni, illeso. L’escursonista, vestito di verde e quindi poco visibile, si trovava sopra il Bivacco Comici, nella parte alta della ferrata, verso il Vandelli, comune di Cortina, ma fuori dalla traccia corretta. Imbarcato dai soccorritori, è stato trasportato a valle.