Incendi, ancora roghi nel Reggino: a Gioia Tauro 100 evacuati

E' proseguita per tutta la notte l'attività dell'Unità di crisi istituita dal prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, ed anche oggi operante h24 per fronteggiare l'emergenza Incendi

E’ proseguita per tutta la notte l’attività dell’Unità di crisi istituita dal prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, ed anche oggi operante h24 per fronteggiare l’emergenza Incendi nel territorio provinciale. Nella giornata hanno continuato ad operare squadre dei Vigili del fuoco provenienti dalla Toscana e dalle Marche richieste dal locale Comando provinciale per rafforzare il dispositivo già in atto che ha visto impiegato sia personale della sede centrale che dei distaccamenti presenti in provincia.

Dal pomeriggio di ieri 13 luglio, intorno alle ore 18,30, si e’ verificato, in area privata prossima al quartiere Ciambra di Gioia Tauro, l’incendio di una discarica abusiva. Atteso il conseguente sprigionamento di fumi, in via precauzionale, si e’ proceduto all’allontanamento di circa cento persone, di cui solo nove sono state temporaneamente allocate presso il locale Palazzetto dello Sport, atteso che i restanti hanno scelto di alloggiare presso parenti o amici.

Le operazioni di intervento tecnico urgente hanno consentito di circoscrivere il fronte dell’incendio e il propagarsi alle abitazioni limitrofe. Sono in corso le operazioni di bonifica e messa in sicurezza dell’area interessata dal fuoco. Altro incendio e’ divampato nel comune di Santa Cristina d’Aspromonte, in territorio di pertinenza del Parco d’Aspromonte, ed e’ stato estinto in serata. Intanto, prosegue il monitoraggio del territorio da parte dell’Unita’ di crisi anche attraverso i militari degli “assetti di pubblica calamita’” del quinto reggimento fanteria “Aosta” dell’omonima brigata meccanizzata di stanza a Messina.