Incendi, il vescovo di Grosseto: “Ferita violenta e gravissima”

"Lo scempio che una mano scellerata sta provocando al nostro ambiente naturale e' una ferita violenta e gravissima, che suscita sgomento"

“Lo scempio che una mano scellerata sta provocando al nostro ambiente naturale e’ una ferita violenta e gravissima, che suscita sgomento e nello stesso tempo ci chiede una reazione corale, come donne e uomini consapevoli del valore straordinario che l’ambiente ha per tutti noi”. Lo afferma il vescovo di Grosseto, mons. Rodolfo Cetoloni, commentando gli Incendi che stanno devastando il territorio della Maremma.

“Grazie ai vigili del fuoco, agli operatori del soccorso, alle forze dell’ordine, ai volontari e a quanti, in questi drammatici giorni, si stanno prodigando per respingere gli ‘assalti’ di coloro che stanno provando con veemenza a distruggere la natura che ci circonda. Il vostro lavoro e’ encomiabile e straordinaria l’abnegazione che abbiamo tutti potuto constatare. E’ questo che ci rincuora e che ci chiama tutti a fare la nostra parte per contrastare in modo fermo e condiviso ogni tentativo di distruggere un patrimonio che e’ la nostra casa comune.”

“Nel contempo – scrive il presule – solidarieta’ alle persone che hanno subito danni dagli Incendi. Tra le tante forme di marginalita’ da proteggere c’e’ anche l’ambiente, sempre piu’ fragile ed esposto a gesti sconsiderati, che ci feriscono come comunita’, perche’ toccano uno degli elementi di coesione e di appartenenza. Papa Francesco, nella sua enciclica Laudato si, traendo aspirazione da Francesco d’Assisi, il cantore del creato, invita tutti noi a tenere ‘inseparabili la preoccupazione per la natura, la giustizia verso i poveri, l’impegno nella societa’ e la pace interiore’. Che questo appello – chiosa il vescovo – possa accumunarci tutti nel reagire di fronte alla ferita drammatica inferta al nostro ambiente. Occorre far percepire che c’e’ una comunita’ che non si rassegna, che non si lascia abbattere da chi sta tentando in ogni modo di fiaccare il futuro di questa terra, che ha fatto della tutela e promozione dell’ambiente un suo tratto distintivo.”

“La natura e’ per la Maremma una risorsa e un valore aggiunto anche sul piano della promozione territoriale e del suo turismo e vogliamo essere accanto a quanti si spendono perche’ questa risorsa non sia dissipata dall’insensatezza di qualcuno, che sta sfregiando in modo irresponsabile questo territorio. Non prevalgano lo scoraggiamento e la paura, ma sappiamo reagire e unire le forze. La Chiesa di Grosseto – conclude mons. Cetoloni – e’ al fianco di istituzioni, imprenditori e cittadini“.