Incendi, protezione civile: 9 richieste di soccorso, Canadair rientrati in Francia

Al momento sono stati messi sotto controllo due dei nove Incendi: quello nel Parco dell’Etna e quello nel comune di Spezzano Piccolo (CS)

Dalle prime ore del giorno gli equipaggi di Canadair ed elicotteri della flotta aerea dello Stato coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile a supporto delle operazioni svolte dalle squadre di terra hanno ripreso le operazioni di spegnimento degli Incendi boschivi che anche oggi stanno interessando le regioni del Centro-Sud. Alle 11,30 sono 9 le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento: due ciascuna da Sardegna, Campania, Sicilia e Calabria e una dalla regione Umbria. Al momento sono stati messi sotto controllo due dei nove Incendi: quello nel Parco dell’Etna e quello nel comune di Spezzano Piccolo (CS). Lo rende noto la protezione civile. Questa mattina sono decollati da Ciampino per ritornare in Francia i due Canadair e il mezzo di supporto del modulo aereo antincendio boschivo messi a disposizione dalla Repubblica Francese e attivati da Bruxelles nei giorni scorsi su richiesta del Governo italiano nell’ambito del Meccanismo Europeo di Protezione civile. I due Canadair, arrivati giovedì 13 luglio, hanno operato a supporto dei velivoli della flotta antincendio dello Stato, volando in formazione con i Canadair italiani per concorrere alle operazioni di spegnimento degli Incendi che hanno colpito il Parco del Vesuvio e la costiera amalfitana. La ripartenza dei mezzi aerei si è resa necessaria a seguito dell’innalzamento del livello di rischio Incendi nel territorio francese. “Ringrazio le autorità francesi e la Commissione Europea per la pronta risposta alla nostra richiesta di attivazione del Meccanismo di Protezione Civile. Gli interventi dei Canadair francesi, in perfetto coordinamento con i piloti italiani, hanno consentito di portare a risoluzione alcune situazioni particolarmente delicate. È un ulteriore esempio della reale solidarietà che i Paesi dell’Ue sanno mostrare in situazioni di emergenza di protezione civile”, ha detto il capo dipartimento, Fabrizio Curcio.