Incendi, situazione ancora difficile al Sud: oggi 1.200 interventi dei Vigili del Fuoco

Incendi, il Sud continua a bruciare: oggi oltre 1.200 interventi dei Vigili del Fuoco, soprattutto in Sicilia (354), Puglia (165) e Calabria (160). Nel weekend temperature in picchiata, l'emergenza dovrebbe rientrare ma la prossima settimana torna il grande caldo

Resta ancora molto pesante la situazione degli incendi al Sud Italia. Sono stati 1.200 gli interventi oggi dei vigili del fuoco. Ancora una volta è la Sicilia la zona in cui sono stati effettuati il maggior numero di operazioni di spegnimento, 354, seguono la Puglia con 165 interventi, la Calabria con 160, la Campania con 143 e il Lazio con 116. Interventi leggermente in calo anche se permangono ancora delle criticità in alcune province: a Catania i vigili del fuoco sono dovuti intervenire nei comuni di Adrano e Linguaglossa; a Palermo nel comune di Monreale; ad Agrigento diverse squadre di terra, supportate da un Canadair, hanno operato nella periferia del comune di Sciacca per un vasto incendio di vegetazione ed è stata necessaria un’evacuazione cautelativa di alcune abitazioni. Ha ripreso a bruciare purtroppo il bosco di Chiaramonte, nel ragusano. In azione 4 squadre dei vigili del fuoco in servizio a cui si è aggiunta una squadra di emergenza di richiamati in servizio, oltre alla Forestale.

Diversi Incendi hanno interessato anche la Campania. Le situazioni più critiche si registrano ancora alle pendici del Vesuvio, dove i vigili del fuoco, sia con automezzi di terra che con velivoli, sono stati impegnati in operazioni di contenimento su diversi roghi nei comuni di Torre del Greco, Terzigno, Somma Vesuviana, Ercolano e Ottaviano. Da registrare alcune operazioni di spegnimento anche nel salernitano, nel comune di Positano, e nel casertano.

Incendi anche nelle province calabresi di Cosenza, Reggio Calabria e Crotone dove è stato necessario l’intervento di 4 canadair.

In Puglia è rientrata la criticità sulle Isole Tremiti, dove è durato tre giorni l’incendio che ha decimato la vegetazione sull’isola di San Domino. Si sono concluse oggi le operazioni di spegnimento del vasto rogo che ha impegnato ininterrottamente squadre di Protezione Civile, Vigili del fuoco, Capitaneria di Porto, imbarcazione dei Carabinieri, due Canadair e un elicottero dei Vigili del Fuoco. Questa mattina i mezzi aerei hanno effettuato 36 lanci di acqua sull’isola. La vasta area verde che ricopre San Domino e’ stata decimata. Oggi sono iniziate le attivita’ di bonifica per evitare nuovi focolai. Sempre in Puglia, a Taranto, nel comune di Castellaneta, è stato necessario l’intervento di 5 squadre dei vigili del fuoco per un vasto incendio di una pineta a cui è seguita l’evacuazione cautelativa di un villaggio turistico.

In Toscana, a Castiglione della Pescaia (Grosseto), ancora un vasto incendio di macchia mediterranea ha lambito delle abitazioni. In Sardegna è rientrata la criticità su Budoni e San Teodoro(Sassari), dove ieri erano stati evacuati 1.500 turisti, ma ne sono state registrate in provincia di Cagliari, Olbia, Ogliastra e Nuoro dove sono dovute intervenire squadre di vigili del fuoco via terra e 4 Canadair.

Nel weekend le temperature diminuiranno sensibilmente e la situazione dovrebbe rientrare, anche se c’è preoccupazione per l’arrivo del forte vento che potrebbe alimentare le fiamme.