Incendi, tenta di spegnere il rogo ma perde i sensi: morto pensionato

L'emergenza incendi ha causato una vittima: un pensionato, Antonio Purita, di 68 anni, che nel tentativo di fermare un rogo, ha perso i sensi ed è finito privo di vita in un fosso

L’emergenza incendi ha causato una vittima: un pensionato, Antonio Purita, di 68 anni, che si era recato nella sua proprietà forse per tentare di spegnere le fiamme di un rogo che minacciava il suo uliveto. A causa, probabilmente, del fumo sprigionato, ha perso i sensi ed è finito privo di vita in un fosso. Il cadavere dell’uomo è stato trovato parzialmente lambito dalle fiamme, in una scarpata, a Favelloni, frazione del comune di Cessaniti in provincia di Vibo Valentia. A scoprire il corpo senza vita del pensionato sono stati i suoi familiari che, preoccupati per non averlo visto rincasare, sono andati a cercarlo in campagna. Nei mesi scorsi un nipote del pensionato era morto rimasto schiacciato dal ribaltamento del trattore con il quale stava lavorando.