Incendi Vesuvio: gatti vivi usati come inneschi? “Una bufala”

Gatti vivi usati come inneschi per provocare incendi? "Notizie prive di ogni fondamento"

“Come Garante dei diritti degli animali ho fatto le mie verifiche sul fatto che sarebbero stati trovati dei gatti usati come innesco per gli Incendi del Vesuvio. Non risulta a nessuno degli inquirenti che stanno svolgendo indagini una simile atrocità“: lo spiega, in una nota, Stella Cervasio, garante dei diritti degli animali del Comune di Napoli. “Non ho notizia certa, se non dicerie, su questa che sarebbe un’usanza di zone rurali, di usare animali vivi con stracci intrisi di benzina per incendiare stoppie. Del resto non capisco la meccanica di una tale usanza, che mi sembra oltremodo complicata, oltre che inutilmente cruenta“. “In queste ore sono state diffuse, anche secondo quanto mi dice il generale Sergio Costa dei Carabinieri Forestali, e il presidente dell’ente Parco Vesuvio Agostino Casillo, notizie prive di ogni fondamento“. “Se un gatto e’ stato trovato bruciato, come si legge su qualche social, nessuno ne ha individuato le cause, perche’ non e’ stato consegnato alle autorita’ preposte per l’autopsia“. “Invito chiunque abbia notizie certe e non illazioni o ipotesi, a trasmetterle agli inquirenti per i debiti accertamenti“.