Maltempo, alluvione lampo a Scilla: esercito al lavoro

Maltempo, esercito al lavoro a Scilla dopo l'alluvione lampo di stamattina

E’ stato riaperto al traffico, anche se a senso unico alternato, il tratto della strada statale 18 chiuso stamani dall’Anas tra Scilla e Bagnara Calabra per una frana provocata dal violento nubifragio che si e’ abbattuto stamani sulla zona. L’Unita’ di crisi istituita dal prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari lo scorso 9 luglio per fronteggiare l’emergenza incendi, intanto, oggi ha coordinato anche le attivita’ di soccorso per i danni provocati dal Maltempo soprattutto a Scilla e Bagnara e, in misura inferiore, a Campo Calabro, Fiumara, Motta San Giovanni, San Roberto, Reggio Calabria e Villa San Giovanni. Numerosi gli interventi effettuati dai Vigili del fuoco. In particolare hanno svolto attivita’ di salvataggio e soccorso di persone in localita’ Oliveto di Scilla oltre che sul Lungomare di Scilla, il paese piu’ colpito. A Scilla, inoltre, sono stati impiegati i militari degli “Assetti di pubblica calamita’” del 5/o Reggimento fanteria “Aosta” dell’omonima Brigata meccanizzata di stanza a Messina il cui intervento era stato chiesto dal Prefetto nei giorni scorsi per attivita’ di prevenzione antincendio boschivo e salvaguardia dell’incolumita’ pubblica. I Vigili del fuoco sono intervenuti per allagamenti anche a Porto Bolaro e San Leo di Pellaro e in via Abate Sant’Elia a Reggio oltre che per recuperare autovetture in localita’ Santa Trada di Villa San Giovanni dove si e’ verificata una frana. L’Unita’ di crisi sta operando in stretto raccordo con il Dipartimento nazionale e quello regionale della Protezione civile e continuera’ ad essere attiva sino alla fine dell’esigenza.