Matrimonio, quanto mi costi? Ecco dove conviene dire “sì”

Un matrimonio in Italia può costare in media fino a circa 15.000 euro, con spese che vanno dai quasi 13mila di Campobasso ai 19mila di Roma

Un matrimonio in Italia, per 100 persone, può costare in media fino a circa 15.000 euro, con spese che vanno dai quasi 13mila di Campobasso ai 19mila di Roma. Senza contare la location, le bomboniere e il viaggio di nozze. E’ quanto emerge dall’analisi di Compass e ProntoPro.it che evidenzia anche come, a livello nazionale, la spesa media più alta nel 2017 riguarda il catering (7.500 euro).
Se si guarda alle singole città capoluogo di regione, i napoletani sono costretti ad investire il budget più elevato sul cibo, arrivando a spendere fino a 11mila euro per un banchetto nuziale per 100 persone. Decisamente più contenute, sotto questo aspetto, le spese degli sposi di Potenza, Genova, Campobasso e Cagliari, tutti allineati su una spesa media di 6 mila.
L’abito da sposa è l’altra voce impegnativa da mettere in conto. Ad eccezione, infatti, di romane e milanesi, che risultano le più esigenti, scegliendo rispettivamente modelli sartoriali da 5.200 e 5.000 euro, le altre spose si mostrano orientate su costi limitati nella fascia tra i 4.700 di Trento e i più economici 3.850 di Catanzaro.
Ingaggiare una band è molto più caro a Bari (820 euro) e a Firenze (800), considerando che la presenza di un DJ ha una spesa aggiuntiva, in questo caso rispettivamente di 565 euro e 600. Più fortunati a Perugia e a Venezia, dove un gruppo musicale chiede ‘solo’ 420 e 400 per accompagnare le danze. Ad Ancona e a Cagliari, invece, si scende ulteriormente nei prezzi e si può pensare di affidare il sound al solo DJ, disponibile per 325 euro.
Infine, per i fiori il picco massimo lo raggiunge la Capitale, dove bouquet e allestimento con decorazioni e centritavola prevede un budget di 1.470 euro, mentre per il fotografo il Sud Italia prevale per costi con Potenza a 1.615, Catanzaro a 1.570, Palermo a 1.530 e Bari a 1.500. (AdnKronos)