Morbillo, l’esperto: “La bimba morta era vaccinata, ma aveva già il virus”

La bambina morta a Roma per aver contratto il virus del Morbillo, aveva avuto a tre mesi una meningite ed era stata quindi monitorata periodicamente

La bambina morta a Roma per aver contratto il virus del Morbillo, aveva avuto a tre mesi una meningite ed era stata quindi monitorata periodicamente, come vuole la prassi, dall’ospedale. “A giugno – spiega all’AGI l’infettivologo del Bambino Gesu’, Alberto Villani – ha avuto febbre alta ed e’ stata ricoverata. Pochissimi giorni prima pero’, era stata vaccinata contro il Morbillo. Abbiamo fatto subito i controlli per capire se avesse gli anticorpi contro la malattia ma era piuttosto difficile visto che la vaccinazione era avvenuta in tempi troppo recenti. Abbiamo pensato che allora, avesse a tutti gli effetti manifestato il virus contratto nei giorni precedenti al vaccino. I risultati hanno dato ragione a questa seconda tesi”. La bambina, ha spiegato l’esperto, e’ poi deceduta per arresto cardio respiratorio “ma ci siamo voluti sincerare che fosse davvero Morbillo. E i risultati sono giunti oggi. Il ceppo del virus e’ il B3. Quindi il vaccino non ha fatto effetto perche’ la piccola aveva gia’ in incubazione la malattia. Torno a sottolineare – ha aggiunto l’infettivologo – che se c’e’ in giro il virus selvaggio e ci si vaccina, nessuno finirebbe con l’ammalarsi”.