Robot: non più solo lavoro, adesso pronti a debuttare nel sesso

Le relazioni tra esseri umani e robot immaginate per il futuro infatti non confinano più i robot ad un ruolo lavorativo ma viene adesso aperta anche la sfera del sesso

Blutgruppe

Quello che si vede nei film a volte può diventare realtà, un esempio ad hoc in questo caso è il famoso umanoide donna tra i protagonisti del film di fantascienza Blade Runner. Le relazioni tra esseri umani e robot immaginate per il futuro infatti non confinano più i robot ad un ruolo lavorativo ma viene adesso aperta anche la sfera del sesso. Quello che fino ad ora era un tabu’ e’ stato infranto da un rapporto pubblicato in Gran Bretagna dalla Fondazione per la Robotica Responsabile. Intitolato “Il nostro futuro sessuale con i robot” e ripreso anche dalla rivista Nature sul suo sito. Qui viene aperto il dibattito sugli scenari che potrebbero presentarsi gia’ nei prossimi 10 o 15 anni, alla luce di quanto sta gia’ accadendo in Asia, con la diffusione di bambole-robot fatte a immagine delle donne e destinate al sesso.

Le ricerche scientifiche che indagano le implicazioni sociali, legali e morali delle relazioni con i robot sono pochissime, secondo Nature, perche’ ritenute volgari dal mondo accademico. Nonostante la difficolta’ delle ricerche in questo campo e i tanti tabu’, secondo la rivista Nature la ricerca scientifica ha molto da indagare: oltre alle interazioni tra umani e robot, potrebbe esaminare l’importante questione che riguarda la privacy, perche’ alcuni giocattoli sessuali ‘intelligenti’ potrebbero essere hackerati allo scopo di raccogliere dati e informazioni sui loro utilizzatori.