Usa, cerca il selfie perfetto: distrugge la mostra, danni per 200.000 dollari [VIDEO]

E' costata troppo la smania dei selfie a una donna statunitense che si trovava in una galleria d'arte nei pressi di Los Angeles, a Lincoln Heights

E’ costata troppo la smania dei selfie a una donna statunitense che si trovava in una galleria d’arte nei pressi di Los Angeles, a Lincoln Heights. Nell’intento di fare il selfie perfetto, cercando l’angolo più adatto a scattare una fotografia che la ritraesse con le sculture, è infatti caduta sopra una installazione, provocando un effetto domino sugli altri pezzi della collezione e danni per duecentomila dollari.

La disavventura è stata ripresa da una telecamera installata all’interno del 14th Factory, lo spazio che ospitava The Hypercaine, la mostra realizzata dall’artista di Hong Kong Simon Birch e da altri suoi collaboratori di fama internazionale. Le riprese, come si vede nel VIDEO, mostrano perfettamente il momento in cui la donna (che si trova nell’angolo destro) perde l’equilibrio e cade dopo essersi inchinata per azzeccare l’inquadratura migliore per il selfie.

Dopo aver toccato la prima colonna, sono cadute tutte, una dopo l’altra. Il crollo ha provato danni importanti alle sculture, realizzate con diversi materiali, tra cui metalli preziosi, marmo, legno, nylon. Tra l’altro non è ancora chiaro se il 14th Factory abbia o meno assicurato tutti i pezzi della mostra. Non tutti credono alla teoria dell’incidente. Sono in tanti a pensare, soprattutto per la puntualità e la perfetta ripresa mostrata nel video, che il capitombolo della sfortunata donna fosse in realtà una trovata organizzata dagli artisti stessi per promuovere maggiormente l’esibizione. Ecco il VIDEO

http://https://www.youtube.com/watch?v=SsKyxf12QVo