Abbattuta l’orsa KJ2, Enpa: “Boicottare il Trentino, terra intollerante”

"Quello che si è consumato in Trentino, ovvero l'uccisione dell'orsa, è un vero e proprio delitto"

Quello che si e’ consumato in Trentino, ovvero l’uccisione dell’orsa, e’ un vero e proprio delitto – spiega l’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA) – un crimine contro gli animali, la natura, la biodiversita’ e in spregio ai milioni di cittadini italiani che hanno chiesto di lasciare in pace l’orsa, per chiarire le dinamiche dell’incidente in cui l’orsa sembra essere stata vittima di una aggressione e trovare soluzioni alternative alla troppo facile deriva dell’abbattimento“.”Invece la Provincia di Trento ha preferito non ascoltare nessuno, e ha di fatto autorizzato una caccia all’orsa, per mera vendetta o per altre incomprensibili finalita’. Nella storia del nostro Paese e’ stato toccato il punto piu’ basso sulla tutela degli animali, una sconfitta per il mondo scientifico e politico, totalmente incapace e sordo, o spinto da altri interessi nel promuovere le uccisioni di animali che in Trentino sono ostaggio di politiche cruente e crudeli, finanziate anche cospicuamente dalle tasse dei contribuenti italiani, che pagano profumatamente politici senza competenze e capacita’ di soluzioni. Tanto basta perche’ i cittadini decidano di non recarsi piu’ in Trentino ne’ acquistare alcun prodotto di quella terra, avvelenata dall’intolleranza verso gli animali, dalla malapolitica, e anche, oltretutto, inquinata“.