Clima: i cambiamenti anticiperanno le inondazioni causate dai fiumi in Europa

Sono numerose le conseguenze dei cambiamenti climatici che stanno stravolgendo anche la tempistica delle inondazioni primaverili dovute allo straripamento dei fiumi

LaPresse/Andrea Negro

Sono numerose le conseguenze dei cambiamenti climatici che stanno stravolgendo anche la tempistica delle inondazioni primaverili dovute allo straripamento dei fiumi: in molte parti d’Europa infatti esse arriveranno in anticipo. Lo rivela uno Studio, pubblicato su Science, di un team internazionale di ricercatori che comprende anche diverse università italiane.

“Riuscire a prevedere questi fenomeni è molto importante in quanto le inondazioni – spiegano i ricercatori – colpiscono nel mondo un numero di persone maggiore di ogni altro pericolo naturale e si calcola che le perdite economiche annue connesse siano di oltre 100 miliardi di dollari.”

Analizzando i dati raccolti da oltre 4.200 stazioni idrometriche in 38 Paesi europei tra il 1960 e il 2010, il team è giunto alla conclusione che “i cambiamenti climatici stanno alterando anche le dinamiche di straripamento dei fiumi.”

Dai risultati – spiegano – è emerso che i fiumi straripano in anticipo in primavera nelle regioni occidentali e nord-orientali del Vecchio Continente, e in ritardo intorno al Mare del Nord e in alcuni settori della costa mediterranea. I cambiamenti più significativi finora si sono registrati sulla costa del Nord Atlantico, dal Portogallo all’Inghilterra, dove il 50% delle stazioni ha registrato inondazioni in anticipo di almeno 15 giorni nel giro di mezzo secolo. Cambiamenti non da poco – concludono – perché in grado di incidere pesantemente su raccolti, sicurezza delle infrastrutture, produzione idroelettrica, fornitura e gestione idrica.