La futurologia transumanista secondo Roby Guerra

di Roby Guerra, “Il transumanesimo italiano. Una nuova scienza sociale del XXI secolo (Asino Rosso edizioni- Network Street Lib, 2017) – On line nelle principali librerie store una raccolta di articoli sul transumanesimo futuribile a cura di Roby Guerra, scrittore e blogger futurista e attivista italiano del movimento. Articoli editi on line negli ultimi dieci anni, da Guerra su Controcultura/SuperEva, Meteo Web, Blasting News, Ferrara Italia, il blog Scienza e Futuro ecc.  Focus il transumanesimo italiano (e area strettamente affine) con capitoli recensioni e note sui vari R. Campa, Estropico, R. Manzocco, S.Vaj, A. Autino, R. Paura, S. Battisti; U.Spezza, C. Rocchio, G. Vatinno, G. Casaleggio. P. Bruni del Mibact, A. Saccoccio e altri.  Una sorta di cronache transumaniste  contemporanee integrate da una sezione similare sul transumanesimo internazionale che evidenzia: A. de Grey, L. Page e R. Kurzweil, Z. Istvan, Natasha Vita More, R. J. Sawyer, K. Suntzu e altri, oltre a notizie sui due grupppi ufficiali italiani: l’AIT (Associazione Italiana Transumanisti) a cura dei vari R. Campa, E. Pilia, S. Vaj, G. Prisco) e il Network+ Transumanisti italiani a cura dei vari  D. De Biasi, G. Stile, Estropico e il Network+ Transumanisti italiani, entrambi affiliati all’americana Humanity + (ex W.T.A.).  In particolare si segnalano recensione della rivista Divenire curata dello stesso Riccardo Campa (sociologo della scienza alla Jagellonica di Cravovia-Polonia) e una ampia nota sul blogger “storico” del transumanesimo in Italia, Estropico (F. Albertario).  L’ebook è poi completato con una sezione prototransumanista dedicata a alcuni precursori: da Marinetti e i futuristi a I. Asimov e la fantascienza, al futurologo A. Toffler, alla cibernetica o semiotica sociale di Y. Lotman, a Fedorov e al cosmismo russo, lo stesso Piero Angela lateralmente, ecc.; e da articoli più personali dell’autore (nello specifico prossimo idealmente alla new wave ultima futurista dell’americano Zoltan Istvan e al suo Transhumanist Party) sul futuro delle stampanti 3D, sull’Intelligenza Artificiale, su un partito della scienza futuro e altro. Una scansione relativamente inedita in Italia con cifra ciberletteraria, non strettamente tecnica, in una ottica privilegiata di transumanesimo e futurismo sociale come umanesimo scientifico radicale e avanguardia scientifica stessa.

Come specifica l’autore (curatore del LLF- Laboratorio Letteratura Futurista- AIT) nella presentazione:

“ La bibliografia attuale sul transumanesimo in Italia è abbastanza in progress, incluso un nostro precedente lavoro del 2014, Futurismo e Transumanesimo. La Poetica di Internet, di carattere più speculativo e connesso direttamente alle affinità tra il transumanesimo e il  futurismo storico e contemporaneo di matrice estetico-artistica in senso sociale e previsionale tecnoscientifico; oltre ad altri contributi e interviste in brevi saggi inclusi in altri nostri lavori quali Futurismo per la Nuova Umanità. Dopo Marinetti (2012), Gramsci 2017 (2014), entrambi per Armando editore e Nuovi Futuristi Nuovi Umanisti (2012) per Este Edition e altro.  

Il lavoro presente integra e completa quasi esaurientemente la nostra stagione cosiddetta transumanista o semplicemente futurologica sociale e scientifica: e in questo senso, scientifico sociale, il nostro auspicio per le rotte future del transumanesimo stesso,  come poi fin dal 2009  leggiamo il cosiddetto movimento.  Una scienza sociale essenzialmente del XXI secolo, magari come futura ricetta sociale per il nascente Uomo Tecnologico, dopo Internet e l’era dei robot e delle Intelligenze Artificiali”.

Info