La scienza premia il gentil sesso: il cervello delle donne è più attivo di quello degli uomini

Ebbene sì, anni di lotta uomini e donne sembra far vincere il gentil sesso: il cervello delle donne è decisamente più attivo rispetto a quello degli uomini

Ebbene sì, anni di lotta uomini e donne sembra far vincere il gentil sesso: il cervello delle donne è decisamente più attivo rispetto a quello degli uomini, soprattutto nelle aree coinvolte nel controllo degli impulsi e in quelle legate alle emozioni. Lo rivela l’analisi di oltre 46.000 immagini della funzionalità del cervello di 119 volontari sani e oltre 26.000 persone con disturbi psichiatrici.

I risultati, pubblicati sul Journal of Alzheimer’s Disease, aiutano a capire meglio l’origine di malattie ormai molto comuni, come l’Alzheimer. La ricerca, spiegano, è stata condotta negli Stati Uniti dalle Cliniche Amen, specializzate nel trattamenti dei disturbi comportamentali e dell’umore, e coordinata dal fondatore delle Cliniche, lo psichiatra Daniel Amen.

Le immagini del cervello femminile al lavoro, ottenute con la tecnica della Spect (Tomografia a emissione di fotone singolo), mostrano che nel cervello femminile ci sono aree nelle quali l’afflusso di sangue è’ molto maggiore rispetto a quanto non lo sia nelle aree analoghe del cervello maschile. Una di queste e’ la corteccia prefrontale, nella quale si trovano i circuiti nervosi che controllano comportamenti come l’empatia e la capacita’ di collaborare, l’intuizione e l’autocontrollo.

Un’altra area molto attiva del cervello femminile è il sistema limbico, noto per essere coinvolto in disturbi come ansietà, depressione, insonnia e disordini dell’alimentazione. Non esistevano o quasi, finora, dati che permettessero di comprendere le caratteristiche che distinguono il cervello femminile da quello maschile e, con essi, di capire come alcuni disturbi psichiatrici si manifestano diversamente negli uomini e nelle donne.