San Lorenzo: da Nord a Sud Italia, ecco i proverbi più noti

Sono davvero numerosi i proverbi legati a San Lorenzo. Ecco i più noti, raccolti da Nord a Sud Italia

Tanti sono i proverbi legati a San Lorenzo. Giusto per citarne alcuni: “A San Lorenzo l’uva già pende dai tralci”; “A san Lorenzo l’uva nereggia”; “A San Lorenzo l’uva si tinge”, “A San Lorenzo e a San Gaetano se ne va il caldo dell’anno”.

Un proverbio veneto dice: “San Lorenzo dei martiri inozenti, casca dal ciel carboni ardenti”, mentre un altro, ricordandoci che la festa cade proprio nel mezzo della canicola, invita a non disperarci perché: “San Lorenzo la gran calura, Sant’Antonio la gran freddura, l’una e l’altra poco dura”.

SAN LORENZO 7Ed ancora: “San Lorenzo l’innocente, mille fuochi in cielo accende”. “E’ bâgn e’ de’ d’SaLurénz e’ va par sët” (“il bagno nel giorno di San Lorenzo vale per sette”) ; “San Lorenzo all’inverno già io penso”; “Se piove a San Lorenzo è ancora in tempo, alla festa di Maria è ancora buona tuttavia, se a San Bartolomeo non fa bene né a me né a te”.

Ed ancora: “De sande Larienze va a vigne e fiechete mmienze” (Da san Lorenzo vai alla vigna e mettitici in mezzo); “San Luréns pinciarö a cent a cent, i caštégna cumè ‘n dénc’ e i gariö alegramént” (“ A S. Lorenzo i grappolini colorati sono centinaia, le castagne sono grandi come denti, i gherigli allegramente”).