Terremoto, il Sindaco di Arquata: “Resta tanto da fare, speriamo nelle casette prima dell’inizio della scuola”

A un anno di distanza dal terremoto del 24 Agosto qualcosa è stato fatto ma c'è ancora tanto, tanto da fare

LaPresse/Settonce Roberto

A un anno di distanza dal terremoto del 24 Agosto qualcosa è stato fatto ma c’è ancora tanto, tanto da fare: alcune casette sono state consegnate, alcune famiglie, poche, sono rientrate nelle loro case ma ancora tante devono tornare nel territorio di Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. “Sono 26 le casette consegnate nella frazione di Pescara del Tronto e altre saranno assegnate nei prossimi giorni, ma il grosso deve essere ancora fatto ve ne sono altre 85 per la consegna delle quale servono ancora una ventina di giorni”, spiega all’Adnkronos Aleandro Petrucci sindaco di Arquata del Tronto.

“Noi contiamo per l’inizio dell’anno scolastico di poter consegnare le casette al maggior numero di famiglie – sottolinea Petrucci – altrimenti si rischia anche di far iniziare la scuola con pochi alunni. Questo è il nostro obiettivo ma non dipende solo da noi, ci sono ditte più veloci ed altre più lente nelle consegne. Vedremo”.

“Stanno portando via le macerie: ne hanno portate via 60mila tonnellate, ma ce ne sono ancora almeno 400mila tonnellate ancora da rimuovere. – prosegue il primo cittadino – Dal centro storico dopo un anno non è stata rimossa neanche una pietra, non si è potuto, e il genio militare sta studiando una rampa per poter accedere al centro. Quindi nei prossimi giorni speriamo di poter iniziare l’accesso al centro storico”.

“Auspico che al più presto si possa parlare seriamente di ricostruzione. Abbiamo ridotto le aree rosse e quindi in due paesi qui vicino – continua Petrucci – sono rientrate a casa loro una trentina di famiglie. Il territorio arquatano non più così vuoto come prima, ma comunque c’è ancora molto da fare perché tutti tornino nelle proprie abitazioni”.

“Nei villaggi Sae che abbiamo formato ci sono un bar e un negozio di generi alimentari e stanno per aprire un centro estetico e un parrucchiere e ha aperto anche una piccola trattoria. – dice ancora Petrucci – Ma in tutto questo la nota positiva è che ciò che aveva promesso Tod’s lo sta facendo: aveva promesso una fabbrica e i lavori sono a buon punto, tanto che molti giovani, non solo di Arquata ma anche dei paesi vicini, stanno frequentando il corso di formazione perché entro fine anno dovrebbe partire l’attività. E spero che Diego Della Valle venga presto a trovarci”.

In merito a iniziative per il primo anniversario del terremoto il sindaco spiega che “ci sarà una processione con le torce e una veglia che si svolgerà nel giardino di Pescara del Tronto, luogo dove vennero posati i corpi senza vita delle vittime prima di essere poi portati via. Il giorno dopo nel pomeriggio si celebrerà una messa con il vescovo di Ascoli Piceno”.