Usa, Trump inverte la politica di Obama: ok a più miniere di carbone

L'amministrazione del presidente Donald Trump mantiene le promesse della campagna elettorale e incoraggia lo sviluppo di nuove miniere di carbone

LaPresse/XinHua

L’amministrazione del presidente Donald Trump mantiene le promesse della campagna elettorale e incoraggia lo sviluppo di nuove miniere di carbone su terreni di proprieta’ federale. Una decisione, come sottolinea il New York Times, che ha l’obiettivo di rilanciare l’industria di settore e sfruttare maggiormente le opportunita’ commerciali delle terre pubbliche.

La mossa rappresenta un’inversione rispetto alla politica di Barack Obama, che aveva bandito la costruzione di nuove miniere su terreni federali e chiesto alle societa’ minerarie di pagare maggiori diritti al governo, come parte degli sforzi contro il cambiamento climatico.

Per Richard Reavey, responsabile delle relazioni governative di Cloud Peak Energy, i cambiamenti decisi dal presidente Trump sono destinati a correggere i torti del passato, poiche’ Obama voleva uccidere l’industria del carbone. “Il suo obiettivo – ha detto Reavey – in collusione con gli ambientalisti, e’ stato quello di spingerci fuori dalle attivita’ di esportazione”.