Alluvione Livorno, la Regione Toscana: “Istituito posto medico avanzato a Limoncino”

Stamani personale del Gruppo operativo di coordinamento regionale per le maxiemergenze ha effettuato diversi sopralluoghi nei luoghi colpiti dall'alluvione

LaPresse/Bianchi-LoDebole

Stamani personale del Gruppo operativo di coordinamento regionale per le maxiemergenze, che ha sede nella centrale operativa 118 di Pistoia-Empoli, dietro richiesta del direttore della centrale operativa 118 di Livorno-Pisa e insieme a funzionari della protezione civile regionale, ha effettuato diversi sopralluoghi nei luoghi colpiti dall’evento alluvionale di domenica scorsa. Lo riferisce una nota della Regione Toscana.

Il problema che era stato rappresentato riguardava tre frazioni isolate, due nel Comune di Livorno e una in quello di Collesalvetti, per cui era urgente una valutazione sul posto sulla salvaguardia della salute degli abitanti, in particolare per situazioni di natura emergenziale. In sostanza, si trattava di garantire anche a questi cittadini soccorsi rapidi e adeguati anche in un contesto di oggettiva difficoltà.

Il nucleo di valutazione – si legge ancora nella nota – ha riscontrato evidenti criticità solo in località Limoncino nel comune di Livorno, per cui è stato deciso di installare un posto medico avanzato in un locale in muratura messo a disposizione da Telecom dove operano personale sanitario del 118 e delle associazioni di volontariato, con il supporto di tutte le attrezzature necessarie per affrontare patologie di emergenza.Lo scopo è quello di garantire soccorsi rapidi, la stabilizzazione dei pazienti e la più rapida evacuazione possibile. La previsione temporale di attività di questa struttura è nell’ordine di 4-5 giorni, tempo necessario per la installazione di un nuovo ponte che possa garantire la viabilità. La popolazione assistitta da questa struttura è quantificabile nell’ordine di 150 unità.