Corea del Nord all’Onu: “Trump è un folle megalomane, inevitabile l’attacco agli Usa”

"Le parole incoscienti e violente di uno chiamato presidente degli Stati Uniti hanno indignato il popolo nordcoreano": lo ha detto il ministro degli esteri nordcoreano Ri Yong-ho

LaPresse/REUTERS

“Le parole incoscienti e violente di uno chiamato presidente degli Stati Uniti hanno indignato il popolo nordcoreano”: lo ha detto il ministro degli esteri nordcoreano Ri Yong-ho intervenendo all’assemblea generale delle Nazioni Unite.

“Anche Trump e’ in missione suicida. Se dovesse succedere qualcosa al nostro popolo le conseguenze saranno oltre ogni aspettativa, ” prosegue il ministro degli Esteri di Pyongyang, che ha definito Trump un “un folle gonfio della sua megalomania” . Le parole di Donald Trump all’Onu hanno reso il lancio di un missile sul territorio americano “ancora piu’ inevitabile”. Trump, ha aggiunto, “sta tentando di trasformare le Nazioni Unite in un “covo di gangster” dove “lo spargimento di sangue e’ all’ordine del giorno”.